La disfatta dell'economia francese durante la grande crisi

Francia 1900 economia

Se l’economia francese non fu inizialmente molto colpita dalla recessione (per lo stock di oro e il basso livello di disoccupazione), dalla svalutazione della sterlina in poi cominciò ad accusare una notevole caduta delle esportazioni e delle entrate turistiche. L’atttaccamento al franco di Poincaré fece escludere una svalutazione e questo significò la continuazione di una politica monetaria restrittiva e di una spirale deflazionistica di tagli e prezzi e salari, fino a quando nel 1936 anche la Francia decise di svalutare. Si imbrigliò  in una spirale negativa che impedì qualsiasi ripresa. Il franco venne svalutato, ma la situazione continuò a rimanere tesa. Quando Reynaud cominciò a governare l’economia, vennero varati incentivi agli investimenti, promossa la ricerca e la raccolta di statistiche e venne iniziato un massiccio programma di riarmo. La produzione industriale risalì, ma troppo tardi per poter efficacemente contrastare l’attacco tedesco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*