La caduta di Villa di Chiesa (1324 d.C.) – la resa della città pisana dopo l’assedio

_______________

____________________
 
 
 
 
 

La fine di Villa di Chiesa si ebbe per mezzo delle due forze congiunte catalano-aragonesi e arborensi.

Fu così che la città pisana, dopo aver sofferto un lungo assedio ( che pare sia durato dalla fine di giugno/inizi luglio dell’anno precedente) il 7 febbraio 1324, quantomeno ridotta allo stremo per via dalla fame e dalle epidemie, oltre che non assistita dai necessari rinforzi militari, finì con il doversi arrendere alle prevalenti forze catalano-aragonesi e arborensi.

L’infante Alfonso poteva così, come pare amasse dire il lì presente Giudice Ugone a Re Giacomo d’Aragona, compiere la propria entrata in trionfo all’interno della città. Avrebbe poi riconosciuto il valore militare dei difensori, concedendo ai pisani il lasciapassare per abbandonare la città al seguito dei propri averi.

All’assedio parteciparono anche anche i Doria e i Malaspina che in queto modo si trovarono, entrambe le famiglie, riconfermati dal sovrano i propri possedimenti sardi.


Approfondimenti consigliati:

   

_______

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Le pubblicazioni più recenti su Infonotizia.it:


 

 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it