La bellezza oggettiva secondo Kant: schema di filosofia

_______
Quadro di James Jacques-Joseph Tissot (1836 – 1902)

Per Kant, che è il naturale erede di Baumgarten, non esiste una bellezza oggettiva: non si può fissare la bellezza in un concetto; non si può dire – scrive Kant – che la rosa è bella nello stesso senso in cui si può dire che il calore dilata i corpi,  non è una conseguenza che posso derivare da principi, non ci sono regole oggettive che fissino la bellezza: il giudizio estetico è un giudizio soggettivo, ma, e qui sta la novità di Kant, il giudizio estetico non è solo soggettivo (come dicevano gli empiristi inglesi, conclusione che porterebbe inevitabilmente allo scetticismo), ma secondo Kant dire “la rosa è bella per me” (soggettivo) è un’espressione priva di senso perché se io dico che la rosa è bella ciò implica che rivendico anche l’universalità di questo giudizio.

Sta di fatto che a partire da Baumgarten e Kant il bello non riguarda più la struttura del mondo, l’uomo non può conoscere nulla oltre il fenomeno, possiamo solo presupporre che la Natura segua certe leggi. Possiamo anche arrivare al risultato che: noi ipotizziamo che se la natura segue certe leggi allora avremo anche dei risultati sul piano scientifico, ma anche nel caso in cui si ottengano da tali ipotesi certi risultati “positivi” ciò non toglie che rimangano comunque ipotesi, non risultati veri.

Per avvicinarci a Kant dobbiamo fare dei necessari passi di approssimazione. Il titolo del corso è “bellezza e finalità in Kant”, un titolo che lascia presupporre una relazione tra le due.

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Filosofia

1 Comment

Add a Comment

  1. Come dirà Kant, dire che una cosa è bella è una cosa del tutto diversa dal dire che una cosa è piacevole. Io posso dire “il vino delle canarie è gradevole/piacevole” ma dicendo questo ammetto che ci sia qualche altra persona per cui il vino delle canarie non è piacevole. De gustibus non est disputandum. Nelle antinomie Kant discute questa massima.. Ma se io dico che “la rosa è bella” è tutt’altra cosa: affermo una cosa pretendendo che sia universale. Dicendo la rosa è bella è un giudizio soggettivo ma universale, pretendo il consenso degli altri.
    Allora la bellezza per noi è importante perché? Si perderebbe molto del significato di bellezza se la attribuissimo soltanto a ciò che ci procura il piacere, il piacevole (anche se Kant dirà che una delle peculiarità dei giudizi di gusto è quello di suscitare un sentimento di piacere o dispiacere ). Per arrivare a formulare questo giudizio ci sono dei passi da fare che discendono da questo ruolo centrale che la bellezza ha nella nostra cultura.

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it