Accettazione dei cookie



Il marchio collettivo in diritto commerciale: schema riassuntivo




Il marchio collettivo è spiegato nell’articolo 2570 del codice civile:

“I soggetti che svolgono la funzione di garantire l’origine, la natura o la qualità di determinati prodotti o servizi possono ottenere la registrazione di marchi collettivi per concederne l’uso, secondo le norme dei rispettivi regolamenti, a produttori o commercianti.”

Il soggetto giuridico che forma e registra il marchio collettivo è un soggetto diverso da chi lo utilizza.

Il marchio collettivo è concesso in uso a produttori e commercianti (un esempio potrebbe essere il Parmigiano Reggiano, registrato dal consorzio dei produttori, usato dai produttori stessi; Aceto Balsamico Tradizionale di  Modena, etc..)

La differenza rispetto al marchio tradizionale è che quest’ultimo contraddistingue i prodotti e servizi di un unico imprenditore, che è anche colui che lo forma e lo registra.

Vota questo articolo
[Voti: 1   Media: 5/5]

More Like This


Categorie


Diritto

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it