Il dio Dagon: storia, rappresentazioni e culto (divinità mesopotamica)

_______________

____________________
 
 
 
 
 

Dagon (scritto in feniciio 𐤃𐤂𐤍; mentre in ebraico: דָּגוֹן) è un’antica divinità mesopotamica assiro-babilonese e levantina (cananea). Sembra che sia stata adorata come un dio della fertilità in Ebla, Assiria, Ugarit e tra gli Amorrei; la Bibbia ebraica lo menziona come il dio nazionale dei filistei con i templi di Ashdod e di Gaza.

Origini del nome del dio “Dagon”/”Dagan”

Si potrebbe associare il nome di questo dio con la parola “pesce” “dâg”, forse risalente all’età del ferro, che chiaramente visto l’aspetto del dio ha portato a un’interpretazione dello stesso come di un “dio del pesce” e all’associazione dei motivi del tritone nell’arte assira.

Una rappresentazione del dio Dagon mesopotamico da un bassorilievo babilonese

Curiosità prima di continuare la lettura: questa religione in palestina pare fosse molto diffusa e continuasse anche all’epoca in cui Roma distrusse Gerusalemme; si discute ancora oggi sulle reali origini della Mitra, adottata all’interno del rito cattolico da Papa Costantino (Siria, 664 – Roma, 9 aprile 715); l’origine della mitra andando ancora più indietro si trova nel turbante, il copricapo liturgico dei sommi sacerdoti dell’Antico Testamento. Tornando ancora più indietro nel tempo alcuni ipotizzano che in realtà questo indumento derivasse dall’antico copricapo dei sacerdoti di Dagon (in realtà c’è chi lo attribuisce anche al mito di Cibele).

Dagon non come dio del pesce ma del grano

Il primo a mettere in dubbio l’etimologia del “pesce” fu Schmökel (1928), il quale suggerì che Dagon non fosse stato in origine un “dio pesce” ma piuttosto che l’associazione con dâg “pesce” tra i Cananei marittimi (Fenici) avrebbe influenzato l’iconografia del dio. Fontenrose (1957: 278) suggerisce ancora che l’Odakon di Berossos, in parte uomo e in parte pesce, fosse probabilmente una versione confusa di Dagon.

Il nome del dio era, tuttavia, più probabilmente un derivato della parola al tempo usata per “grano”, suggerendo che era in origine fosse associato alla fertilità e all’agricoltura.

In Ugaritico, la radice “dgn” significa anche grano: in ebraico דגן dāgān, Samaritan dīgan, è una parola arcaica per indicare il grano. L’autore fenicio Sanchuniathon usava Dagon associato al grano. Sanchuniathon spiega inoltre: “E Dagon, dopo aver scoperto il grano e l’aratro, venne chiamato Zeus Arotrios.” La parola arotrios significa “aratore”, “pertinente all’agricoltura”.

Il culto del dio Dagon nell’età del bronzo

Il dio Dagon appare per la prima volta nei documenti esistenti all’incirca nel 2500 a.C. all’interno di testi di Mari e nei nomi amorrei personali in cui i nomi degli dei della Mesopotamia come Ilu (Ēl), Dagan e Adad erano particolarmente comuni.

A Ebla (Tell Mardikh) Dagon era il capo del pantheon della città comprendente circa 200 divinità e portava il titolo di “BE-DINGIR-DINGIR”, ovvero “Signore degli dei” e di “Bekalam”, traducibile cone “Signore della terra” . La sua consorte era conosciuta solo come “Belatu”, ovvero “Signora”. Entrambi gli dei erano adorati in un grande complesso di templi chiamato E-Mul, “La casa della stella”. Un intero quarto di Ebla e una delle sue porte hanno preso il nome da Dagon. Dagon è chiamato ti-lu ma-tim, “rugiada della terra” e Be-ka-na-na, che forse potrebbe significare “Signore di Canaan”. Fu chiamato così in molte città: di Tuttul, Irim, Ma-Ne, Zarad, Uguash, Siwad e Sipishu.

Dagon è menzionato occasionalmente nei primi testi sumerici, ma diventa prominente solo in successive iscrizioni assiro-babilonesi come un protettore potente e bellicoso, talvolta equiparato a Enlil. La moglie di Dagon era in alcune fonti la dea Shala (anche chiamata moglie di Adad e talvolta identificata con Ninlil). In altri testi, sua moglie è Ishara. Nella prefazione al suo famoso codice di diritto, King Hammurabi si definisce “il soggiogatore degli insediamenti lungo l’Eufrate con l’aiuto di Dagan, il suo creatore”. Un’iscrizione su una spedizione di Naram-Sin alla Montagna del Cedro dice: “Naram-Sin uccise Arman e Ibla con l’arma’ del dio Dagon che ingrandisce il suo regno.”

Un interessante riferimento iniziale a Dagon si trova in una lettera al re Zimri-Lim di Mari, XVIII secolo aC, scritta da Itur-Asduu, un funzionario alla corte di Mari e governatore di Nahur (la città biblica di Nahor). Si riferisce al sogno di un “uomo di Shaka” in cui apparve Dagon. Nel sogno, Dagon accusò Zimri-Lim di non riuscire a soggiogare il Re degli Yaminiti dopo l’incapacità di Zimri-Lim di portare un resoconto delle sue azioni a Dagon presso Terqa. Dagon promette, per quando Zimri-Lim lo farà: “Avrò i re degli Yaminiti su uno spiedo di pescatore, e li metterò davanti a te.”

A Ugarit, intorno al 1300 aC, Dagon aveva un grande tempio ed era elencato al terzo posto nel pantheon seguendo un dio-padre e Ēl, e precedendo Baīl Ṣapān (cioè il dio Haddu o Hadad / Adad). Joseph Fontenrose per primo dimostrò che, a prescindere dalle loro profonde origini, a Ugarit Dagon si identificava qualche volta con El, spiegando perché Dagan, che aveva un importante tempio a Ugarit è così trascurato nei testi mitologici di Ras Shamra, dove Dagon è menzionato solo passando come padre del dio Hadad (Baal), ma Anat, la figlia di El, è la sorella di Ba’al.

Dagan era talvolta usato in nomi reali mesopotamici. Due re della dinastia pre-babilonese di Isin furono Iddin-Dagan (circa 1974-1954 aC) e Ishme-Dagan (circa 1953-1935 aC). Quest’ultimo nome fu in seguito utilizzato da due re assiri: Ishme-Dagan I (1782-1742 aC circa) e Ishme-Dagan II (1610-1594 aC circa).

Il culto del dio Dagon durante l’età del ferro

In una stele del 9 ° secolo a. l’imperatore assiro Ashurnasirpal II si riferisce ad Asurnasirpal come il favorito di Anu e di Dagan. In un poema assiro, Dagan appare accanto a Nergal e Misharu come giudice dei morti. Un testo in tardo babilonese lo rende il custode della prigione sotterranea dei sette figli del dio Emmesharra.

L’iscrizione fenicia sul sarcofago del re Eshmun’azar di Sidone (V secolo aC) riferisce “Inoltre, il Signore dei Re ci diede Dor e Joppa, le possenti terre di Dagon, che sono nella Piana di Sharon, in accordo con le azioni importanti che ho fatto. “

Secondo quanto riferito, Sanchuniathon fece di Dagon il fratello di Crono, entrambi figli del Cielo (Urano) e della Terra. Hadad invece (Demarus) fu generato da “Cielo” su una concubina prima che Cielo stesso venisse castrato da suo figlio Ēl, dopo di che la concubina incinta fu data a Dagon. Di conseguenza, Dagon in questa versione è il fratellastro e il patrigno di Hadad.

L’Etymologicon Magnum bizantino elenca Dagon come il Crono fenicio.

Il dio Dagon nei racconti della bibbia ebraica

Rappresentazione artistica di Philip James de Loutherbourg, 1793, sulla caduta del dio Dagbon nel tempio ebraico davanti all’arca dell’alleanza.

Basandoci sulla Bibbia ebraica, il Dagon è in particolare il dio dei filistei con i templi di Beth-dagon nella tribù di Asher (Giosuè 19.27), a Gaza. Si dice che il tempio venne distrutto da Sansone come suo ultimo atto prima della morte. Un altro tempio, situato ad Ashdod, è stato menzionato in Samuele e nei Maccabei. La testa del re Saul era esposta in un tempio di Dagon. C’era anche un secondo posto conosciuto come Beth-Dagon presso la tribù di Giuda. Lo storico ebreo del I secolo Josephus menziona un luogo chiamato Dagon sopra Gerico. Girolamo menziona Caferdago tra Diospolis e Jamnia. C’è anche un moderno Beit Dejan a sud-est di Nablus. Alcuni di questi toponimi però c’è da dire che potrebbero avere a che fare più con il grano piuttosto che con il dio.

Il racconto di Samuele riferisce come l’Arca dell’Alleanza fu catturata dai Filistei e portata al tempio di Dagon ad Ashdod. Il mattino seguente gli Ashdoditi trovarono l’immagine di Dagon prostrato davanti all’arca. Posero l’immagine in verticale, ma di nuovo la mattina del giorno seguente la trovarono prostrata davanti all’arca, ma questa volta con la testa e le mani mozzate, stese sulla miptān (sul podio).

Da allora in poi ci viene detto che né i sacerdoti né nessuno hanno mai messo piede sulla miptān di Dagon ad Ashdod “fino ad oggi”. Questa storia è dipinta sugli affreschi della sinagoga Dura-Europos.

Il dio Dagon in “La vita di Porfirio di Gaza”

Leggendo “La vita di Porfirio di Gaza” (Tessalonica, 347 circa – Gaza, 26 febbraio 420), viene menzionato il grande dio di Gaza, noto come Marna (in Aramaico Marna significa il “Signore”), considerato il dio della pioggia e del grano e invocato contro la carestia. Marna di Gaza appare sulla moneta del tempo di Adriano. È stato identificato a Gaza con Cretan Zeus, Zeus Krētagen. È probabile che Marnas fosse l’espressione ellenistica di Dagon. Il suo tempio, il Marneion, l’ultimo grande centro di culto del paganesimo sopravvissuto, fu bruciato per ordine dell’imperatore romano nel 402. Era stato vietato calpestare le pietre del selciato del santuario, che i Cristiani più tardi usarono per spianare il mercato pubblico.

   

_______

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it