Grazie a Infonotizia.it è stato pagato un mese e mezzo di stipendio a un'insegnante della scuola agraria di Jangany (Madagascar)

È stata la scuola a fare la città” – Tonino Cogoni su Jangany

Padre-Tonino-Cogoni
Tonino Cogoni

Cari autori/lettori di Infonotizia.it,

questo articolo nasce perchè volevamo comunicarvi che una parte dei soldi ricavati dai banner pubblicitari dell’amministrazione del sito è stata consegnata personalmente al missionario vincenziano Tonino Cogoni con l’intento di pagare un mese e mezzo di stipendio a un insegnante della scuola agraria di Jangani (Madagascar).

A Jangany, con soli 25€ un bambino può frequentare la scuola un anno intero e trovare un pasto quotidiano garantito, mentre lo stipendio medio di un insegnante è di circa 32 €/mese.

Per pagare lo stipendio di “un mese e mezzo” a un’insegnante di Jangany bastano 50€.

Non siamo un sito che ricava grandi profitti, ma volevamo fare qualcosa anche noi e portare l’attenzione al problema dell’analfabetismo e della povertà, che ancora affligge buona parte del pianeta, come Jangany.

Se volete sapere di più a proposito della missione a Jangany >>>

Recentemente ci è arrivata la seguente lettera per aggiornarci sulle condizioni di Jangany:

Aggiornamento:

Carissimi AMICI DI JANGANY,
Vengo volentieri a portarvi gli auguri di Natale e le notizie della nostra
Missione.
Sono rientrato dall’Italia il 14 Ottobre e conservo nel cuore un ricordo
molto bello degli incontri avuti con parecchi di voi durante le vacanze.
Suscita in me grande merqaviglia il vedere con quanta attenzione e quanto interesse prendete parte alle vicende di Jangany.
La vostra generosità è un importante sostegno per il nostro lavoro. Rinnovo a tutti la mia profonda riconoscenza.
Le notizie generali del Madagascar non sono migliorate rispetto a quelle che
vi ho dato a voce mentre ero in Italia. La popolazione continua ad essere provata dalla
grande povertà e dall’insicurezza creata dal brigantaggio.
Nonostante le difficoltà, la nostra scuola va avanti con coraggio e riesce a
raggiungere dei buoni risultati. Nello scorso mese di Luglio, 19 nostri alunni hanno
affrontato gli esami di Diploma della Scuola Media. Sono stati tutti promossi con buoni
voti ed hanno conseguito dei premi importanti in campo nazionale. 3 di questi alunni hanno
conseguito i primi 3 posti delle scuole del Sud e sono stati invitati dal Primo Ministro
del Madagascar ad andare da lui alla capitale Antananarivo il prossimo 17 Dicembre per
ricevere il premio direttamente dalle sue mani. L’Accademia Militare del Madagascar ha offerto
a questi bravi alunni la possibilità di iscriversi alle scuole superiori presso la sua
organizzazione.
Noi non andiamo in superbia per queste cose, ma siamo contenti che la nostra
brousse selvaggia conquisti il suo riscatto attraverso la scuola.
Grazie al generoso aiuto che riceviamo da voi benefattori, stiamo sostenendo
nello studio più di 450 alunni molto poveri e assistiamo nei problemi della denutrizione e della
salute circa 500 bambini. Siamo preoccupati per la siccità che si è prolungata fino a
Dicembre, mentre normalmente aspettiamo la pioggia a metà Ottobre. Confidiamo nell’aiuto di Dio per i nostri raccolti.
La scuola agraria sta ampliando la sua attività. Oltre al corso normale per
i giovani che hanno terminato la scuola media, ha aperto un corso particolare per i ragazzi che
ancora frequentano le medie, in modo da interessarli al lavoro agricolo. Sono così una cinquantina
i giovani che ricevono un addestraqmento alle attività agricole.
I genitori dei ragazzi che hanno frequentato i nostri corsi negli anni
scorsi ci danno buone notizie sull’impegno di questi giovani a migliorare l’agricoltura nei loro villaggi.
Siamo contenti di potervi dare queste informazioni perché costituiscono i risultati dell’aiuto
che riceviamo da voi benefattori. Senza il vostro sostegno, non ci sarebbero state le scuole e
questa popolazione sarebbe rimasta all’età della pietra.
La costruzione della nuova chiesa va avanti e stiamo affrontando il lavoro
del tetto.
Appena questo sarà finito, inizieremo a usare la chiesa anche se non avremo ancora le
porte e le finestre. Non mancheremo di pregare per voi. In questo periodo delle feste natalizie,
chiederemo a Gesù Bambino quella benedizione che ognuno di voi maggiormente desidera.
Con il cuore pieno di riconoscenza, vi facciamo gli auguri più vivi per il

S. Natale e per il
Nuovo Anno.

P. Tonino e tutta la Missione di Jangany.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*