_______
Illustrazione di P. Connolly

Conoscete gli antichi soldati della Grecia, gli opliti? In questo articolo approfondiremo l’argomento indicando i punti più importanti di questo nuovo tipo di soldato greco, importante esempio della guerra nella società dell’antica Grecia.

Tra le innovazioni dell’età arcaica, la più importante e quella che avrà più portata in campo sociale e politico è l’introduzione di una nuova tattica militare per gli antichi soldati greci basata sull’impiego della fanteria, gli Opliti.
Questi soldati erano caratterizzati da un pesante e uniforme armamento, con un elmo, un corsetto di bronzo, una lancia, una spada corta e un grande scudo di legno rinforzato da bronzo (Hoplon)
Poco adatto per gli scontro individuali, questo armamento, soprattutto lo scudo, era perfetto per essere usato nella Falange, la formazione tipica degli Opliti: schierati l’uno accanto all’altro su più file, con lo scudo che proteggeva anche il compagno a sinistra, i soldati si muovevano in maniera coordinata, proteggendosi con scudi e lancie.
Disciplina e autocontrollo erano le doti fondamentali degli Opliti e la falange divenne lo strumento bellico più diffuso nei 3 secoli successivi.
Questa tattica venne utilizzata negli antichi soldati greci con incredibile successo e si sviluppò nel corso dei secoli, ma a quanto pare non era ancora in uso nel VIII secolo: i resoconti della Guerra Lelantina, scoppiata tra Calcide ed Eretria e vari alleati mostrano ancora una netta predominanza della cavalleria aristocratica.
L’affermazione della falange oplitica però viene attestata già nella prima metà del VII secolo, come dimostrato dalla presenza di scudi oplitici nei templi e le loro raffigurazioni sui vasi corinti. Inoltre esiste la testimonianza di un poeta spartano di metà VII secolo, Tirteo.
L’avvento degli opliti ebbe grandi conseguenze per l’evoluzione della polis: prima di tutto la falange aveva bisogno di grandi numeri e per questo l’attività militare cessò di essere una prerogativa esclusiva di una cerchia di aristocratici e si aprì a tutti coloro che potevano permettersi l’equipaggiamento (piccoli e medi proprietari terrieri). Questo a sua volta portò alle condizioni per l’estensione dei pieni diritti politici a una parte maggiore della cittadinanza, che lottava per difendere il proprio regno.
Importante fu anche il rafforzamento della coesione dei membri della comunità grazie all’addestramento collettivo degli antichi soldati della Grecia che portò, dal VII secolo, alla nascita del ginnasio, che divenne uno degli elementi caratteristici delle città greche.

   
_______

Altri articoli da leggere: