Germania: dall'iperinflazione alla crisi (Piano Dawes) – riassunto

Economia germania 1900 riassunto renten mark

(Dopo la prima guerra mondiale)

Le perdite umane erano state elevate; il paese aveva perduto il 13% del suo territorio; le colonie, la marina militare, il materiale bellico e le sue navi mercantili erano state confiscate. Quando l’inflazione si tramutò in iperinflazione, la situazione peggiorò ulteriormente. La ripresa economica fu lenta e contradditoria, con un esagerato potere lasciato in mano agli industriali siderurgici. Nel novembre 1923 venne introdotto un nuovo marco (Renten Mark). Ma fu solo nell’Agosto 1924 (in corrispondenza dell’applicazione del piano Daes) che la circolazione monetaria fu stabilizzata con il Reichs Mark, e l’economia trovò sé stessa dipendente dai capitali stranieri proprio perché furono questi che permisero tale stabilizzazione e consentirono di mantenere la bilancia dei pagamenti in equilibrio. Furono le conseguenze della vicenda delle riparazioni a mantenere depressa e debole l’economia tedesca, fino al punto da renderla un dei poli della Grande Crisi. Inoltre l’iperinflazione aveva azzerato tutti i capitali liquidi oltre alla moneta corrente provocando così gravi perdite alla classe media che tra l’altro era la maggiore detentrice di tali capitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*