Differenza tra lavoro straordinario, supplementare e lavoro notturno nel diritto del lavoro

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

I beni dell'azienda nel diritto commerciale

 

ORARIO DI LAVORO: si deve delineare l’entità massima della prestazione lavorativa che può essere richiesta al lavoratore; la disciplina dell’orario di lavoro, è caratterizzata da una rilevante apertura verso la flessibilità, nella gestione degli orari in relazione alle mutevoli esigenze produttive ed organizzative.
Orario normale di lavoro: 40 ore, ma c’è la facoltà per la contrattazione collettiva di stabilire una durata minore, l’orario massimo di lavoro settimanale, ammonta invece a 48 ore su 7 giorni, comprensivo di straordinari.

L’orario massimo giornaliero, è ricavabile in via indiretta, esso ammonta a 12 ore e 50 min (obbligo 11 ore di riposo consecutivo, ogni 24 ore e pausa minima di 10 min nella giornata lavorativa superiore 6 ore).

Lavoro straordinario, che presuppone una maggiorazione, deve essere svolto tra la 41° e la 48° ora, esso è ammesso, previo accordo delle parti, entro il limite massimo di 250 ore annue.

Lavoro supplementare: oltre l’orario normale fissato dai contratti collettivi, ma entro il limite legale di 40 ore settimanali.

Lavoro notturno: il periodo notturno è di almeno 7 ore consecutive tra la mezzanotte e le cinque; è un lavoratore notturno qualsiasi lavoratore che durante il periodo notturno, svolga almeno tre ore del suo normale tempo di lavoro giornaliero per un minimo di 80 giorni lavorativi all’anno. La prestazione di lavoro notturno rappresenta un obbligo per il lavoratore. Categorie di lavoratori che per legge hanno diritto ad essere esclusi dall’obbligo: la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa, la lavoratrice o il lavoratore che sia l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni, la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile.
Il lavoro notturno non può superare le 8 ore.

Tempo di non lavoro: diritto a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore di lavoro, la pausa giornaliera è prevista per l’orario giornaliero eccedente le 6 ore.

 

 

(Nota: appunti di diritto del lavoro del 2018, nel frattempo potrebbe essere cambiato qualcosa, nel caso è possibile segnalare eventuali modifiche con un commento, grazie)

   
_______

More Like This


Categorie


Diritto

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it