Differenza tra aumento di capitale sociale a pagamento e gratuito

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Le operazioni di aumento di capitale sociale possono essere di due tipologie;

  1. Aumento di capitale sociale reale, o a pagamento: si ha anche un incremento del patrimonio netto della società, vi sono nuovi conferimenti sicché l’entità del patrimonio netto si incrementa di importo almeno pari all’incremento del capitale sociale;
  2. Aumento di capitale nominale, o gratuito: cresce l’entità del capitale sociale, ma il patrimonio netto rimane immutato, l’operazione si traduce nell’assoggettamento al medesimo vincolo di indisponibilità di una maggiore porzione di patrimonio netto.

Vediamo la differenza tra aumento di capitale sociale a pagamento ed aumento di capitale sociale gratuito nelle prossime righe.

Aumento gratuito del capitale sociale

Cominciamo con il leggere l’articolo 2442 del codice civile riguardante il passaggio di riserve a capitale:

L’assemblea può aumentare il capitale, imputando a capitale le riserve e gli altri fondi iscritti in bilancio in quanto disponibili.

In questo caso le azioni di nuova emissione devono avere le stesse caratteristiche di quelle in circolazione, e devono essere assegnate gratuitamente agli azionisti in proporzione di quelle da essi già possedute.

L’aumento di capitale può attuarsi anche mediante aumento del valore nominale delle azioni in circolazione.

Quindi l’aumento gratuito di capitale sociale avviene, in questo caso, imputando le riserve disponibili a capitale sociale, assoggettando quindi  una parte del patrimonio netto, di cui i soci avrebbero potuto precedentemente disporre, della società al vincolo di indisponibilità del capitale sociale. Il patrimonio netto resta quindi invariato.

La riserva legale non può essere imputata a capitale sociale, in quanto riserva indisponibile.

L’aumento gratuito di capitale sociale ha quindi come effetto l’emissione di nuove azioni, esse devono avere identico valore nominale e le stesse caratteristiche di quelle già in circolazione. Dal punto di vista del valore del portafoglio di azioni detenuto da ciascun azionista, il metodo utilizzato è indifferente. Questa operazione corrisponde, dal punto di vista degli azionisti, ad una distribuzione di utili in modo indiretto, in quanto il legislatore muove dall’idea che le azioni siano naturalmente destinate alla circolazione. La monetizzazione degli utili però si verificherà solo nel momento in cui l’azionista riuscirà a vendere le nuove azioni ottenute, o le azioni possedute di valore superiore.

Questo meccanismo corrisponde a quello di assegnazione di utili ai prestatori di lavoro dipendenti della società mediante l’emissione di speciali categorie di azioni.

Azioni a pagamento del capitale sociale

Vediamo quindi l’articolo 2438 del codice civile riguardante gli aumenti di capitale sociale.

“Un aumento di capitale non può essere conseguito fino a che le azioni precedentemente emesse non siano interamente liberate. In caso di violazione del precedente comma, gli amministratori sono solidalmente responsabili per  danni arrecati ai soci ed ai terzi. Restano in ogni caso salvi gli obblighi assunti con la sottoscrizione delle azioni emesse in violazione del precedente comma.”

È vietato effettuare un’operazione a pagamento del capitale sociale se le azioni già emesse non sono state interamente liberate. Tale divieto trova la sua ragion d’essere nel fatto che un aumento di capitale si effettua quando la società necessiti di capitali. È quindi assurdo richiedere nuovi conferimenti, quando sarebbe possibile richiedere i versamenti ancora dovuti dai soci.

Così come all’atto di costituzione della societàm anche in caso di aumento a pagamento del capitale sociale, i conferimenti possono coesistere in denaro, in crediti o in beni in natura.

Articolo 2349 del codice civile:

Salvo quanto previsto nel quarto comma dell’articolo 2342, i sottoscrittori delle azioni di nuova emissione devono, all’atto della sottoscrizione, versare alla società almeno il venticinque per cento del valore nominale delle azioni sottoscritte. Se è previsto un soprapprezzo, questo deve essere interamente versato all’atto della sottoscrizione.

Se l’aumento di capitale non è integralmente sottoscritto entro il termine che, nell’osservanza di quelli stabiliti dall’articolo 2441, secondo e terzo comma, deve risultare dalla deliberazione, il capitale è aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni raccolte soltanto se la deliberazione medesima lo abbia espressamente previsto.

Nel presente articolo il legislatore prende in considerazione conferimenti effettuati in denaro. I sottoscrittori delle nuove azioni devono versare immediatamente il 25% del conferimento previsto e l’eventuale sovraprezzo se previsto un valore delle nuove azioni superiore al valore nominale.

L’aumento del capitale sociale a pagamento, a differenza della costituzione, è un’operazione ad esecuzione progressiva, ovvero si parte dalla deliberazione, ma la decisione deve trovare esecuzione, ovvero i destinatari dell’offerta hanno un determinato lasso di tempo in cui possono accettare di sottoscrivere le azioni di nuova emissione. Alla scadenza di questo termine può accadere che le azioni di nuova emissione non siano state interamente sottoscritte.

Nel silenzio della deliberazione assembleare, l’operazione di aumento di capitale non va in porto, è inscindibile. L’aumento di capitale sociale è invece scindibile se la delibera prevede che, in caso di mancata sottoscrizione integrale delle azioni di nuova emissione, il capitale viene aumentato dell’importo corrispondente alle azioni sottoscritte.

Articolo 2440 del codice civile: il conferimento di beni in natura e di crediti

Se l’aumento di capitale avviene mediante conferimento di beni in natura o di crediti si applicano le disposizioni degli articoli 2342 , terzo e quinto comma, e 2343 .

L’aumento di capitale mediante conferimento di beni in natura o di crediti può essere sottoposto, su decisione degli amministratori, alla disciplina di cui agli articolo 2343 ter e 2343 quater .

Ai fini dell’applicazione dell’articolo 2343 ter , primo comma, rileva il periodo di negoziazione di sei mesi precedenti la data alla quale si riferisce la relazione degli amministratori redatta ai sensi dell’articolo 2441 , sesto comma. Il conferimento è eseguito entro sessanta giorni da tale data, ovvero entro novanta giorni qualora l’aumento sia deliberato da una società che fa ricorso al mercato del capitale di rischio.

Qualora trovi applicazione l’articolo 2343 ter , secondo comma, il conferimento è eseguito, nel caso di cui alla lettera a), entro il termine dell’esercizio successivo a quello cui si riferisce il bilancio, ovvero, nel caso di cui alla lettera b), entro sei mesi dalla data cui si riferisce la valutazione.

La verifica prevista dall’articolo 2343 quater , primo comma, è eseguita dagli amministratori nel termine di trenta giorni dall’esecuzione del conferimento ovvero, se successiva, dalla data di iscrizione nel registro delle imprese della deliberazione di aumento del capitale. La dichiarazione di cui all’articolo 2343 quater , terzo comma, è allegata all’attestazione prevista dall’articolo 2444 .

Qualora siano conferiti beni in natura o crediti valutati ai sensi dell’articolo 2343 ter , secondo comma, nel termine indicato al quinto comma uno o piu’ soci che rappresentino, e che rappresentavano alla data della delibera di aumento del capitale, almeno il ventesimo del capitale sociale, nell’ammontare precedente l’aumento medesimo, possono richiedere che si proceda, su iniziativa degli amministratori, ad una nuova valutazione ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2343 ; la domanda dei soci non ha effetto qualora gli amministratori all’esito della verifica prevista dal quinto comma procedano ai sensi dell’articolo 2343 -quater, secondo comma.

Qui il legislatore prende in considerazione l’emissione di nuove azioni che devono essere liberate tramite conferimenti di beni in natura e crediti. In questa norma è richiamata la disciplina prevista per la costituzione della società, specie in tema di stima e valutazione di conferimenti in natura e crediti.


   
_______

More Like This


Categorie


Diritto commerciale

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it