Decadimento politico bizantino e inizio del mondo arabo – riassunto

_______

Mecca medioevo

<<< Torna all’elenco dei riassunti di storia medievale

<<< Riassunto di storia precedente

Mentre in occidente i bizantini e i persiani si fronteggiavano in una guerra che sembrava dover
decidere le sorti dell’occidente in Arabia prendeva il sopravvento una civiltà che avrebbe reso la
propria nazione la più potente del mondo civilizzato allora conosciuto. Secondo la tesi di Pirenne gli
arabi crearono in Europa una situazione completamente nuova mettendo fine all’unità del
mediterraneo e provocando in occidente una crisi del commercio, la scomparsa delle città e la
nascita di un’economia interamente agraria. Indubbiamente gli arabi portando il loro durissimo
attacco all’impero bizantino riducendone fortemente il raggio d’azione, crearono un vuoto politico
nel mediterraneo centro-orientale concedendo cosi una maggiore libertà alla chiesa di Roma. La
penisola arabica situata tra Asia e Africa era, come oggi, sostanzialmente un tavolato desertico dove
solo Oman e Yemen godevano di precipitazioni. I letti dei fiumi che anticamente scorrevano in
Arabia erano usati come piste transdesertiche. Anticamente la parte centro settentrionale dell’Arabia
era abitata da tribù di beduini nomadi che praticavano l’allevamento, il commercio carovaniero e la
razzia; erano presenti anche tribù di sedentari. Queste tribù erano indipendenti l’una dall’altra.
La parte meridionale dell’isola godette invece di un maggior livello di civiltà a causa del crocevia
commerciale che si riscontrava in quella zona. La maggioranza della popolazione, composta da
beduini era inquadrata in tribù, la tribù stessa era il quadro sociale di riferimento. All’interno della
tribù venivano prese tutte le decisioni di carattere collettivo, alla guida vi era un capo elettivo
assistito da un consiglio e da un giudice. Il quadro religioso era caratterizzato dalla prevalenza del
politeismo, gli arabi meridionali tendevano verso un culto animistico, mentre quelli del nord
adoravano divinità varie sottomesse ad una suprema, Allah. In questo contesto intorno al V secolo la
città della Mecca divenne un’importante centro commerciale e religioso, in questa città nacque
Maometto tra il 569 e il 571. Nato da una famiglia benestante e rimasto orfano in tenera età fu
allevato da uno zio e sposò una ricca vedova migliorando così la sua posizione economica, questo
gli consentì di dedicarsi alla riflessione religiosa.

Nel 610 quando aveva poco più di quarant’anni gli apparve l’arcangelo Gabriele che gli annunciò di essere l’apostolo di Allah. All’inizio Maometto esitò ma finalmente nel 613 dietro l’incoraggiamento della moglie diede inizio ad una predicazione tra l’indifferenza dei Quaraishiti. Il suo messaggio all’inizio non metteva in discussione il politeismo ma puntava al riconoscimento di Allah come unico vero dio ed a far atto di sottomissione alla sua autorità, introduceva inoltre l’idea di giudizio finale e il dovere di esercitare la solidarietà verso il prossimo e verso i poveri in particolare. Il pericolo che l’islam venisse assimilato al politeismo indusse Maometto a rompere gli indugi e ad attaccare i culti idolatrici suscitando le ostilità del ceto dirigente timoroso di perdere i propri proventi ricavati dai pellegrinaggi della Kaaba. Maometto comunque continuò la sua opera di proselitismo definendo il rituale della preghiera che il credente doveva recitare rivolto verso Gerusalemme. Nel 622 la posizione di Maometto divenne insostenibile, infatti dopo aver ricevuto fedeltà incondizionata dalla tribù della madre fuggì dalla mecca fino alla città della famiglia materna che cambiò il nome in Medina. Questa fuga per i seguaci di Maometto rappresentò l’inizio di una nuova era.

Nel 624 Maometto mutò il punto di riferimento per la preghiera da Gerusalemme alla Mecca, contemporaneamente ne accentuò il carattere esclusivistico dichiarando l’islam unica vera fede, istituendo anche il mese di digiuno (ramadan). Il pensiero di Maometto che veniva precisato nel corso del tempo venne raccolto dopo la sua morte (avvenuta nel 632), dopo circa vent’anni, nel libro sacro del Corano. La lingua usata fu quella più comunemente usata dai poeti arabi. I principali pilastri della fede scritti nel corano sono i seguenti:

• Doppia professione di fede
• La preghiera
• Il ramadan
• Pellegrinaggio alla Mecca almeno una volta nella vita
• Elemosina legale (un decimo del reddito) alcuni sostengono anche l’esistenza di un sesto pilatro.
• La guerra santa

Ad integrazione del corano venne posta la Sunna cioè, la raccolta della tradizione comportamentale
di Maometto in determinate occasioni che diventerà la base del diritto mussulmano.

Il messaggio di Maometto accoglieva aspetti non marginali della società e della cultura araba. La razzia, la poligamia, la schiavitù, il pellegrinaggio e il culto della pietra nera.

A differenza di quanto accadeva nel passato Maometto riorganizzò la società eliminando il particolarismo e concentrando tutto intorno ad una figura sia politica che religiosa. Quando Maometto arrivò a Medina si fece costruire una casa che divenne luogo di aggregazione e di preghiera, qui Maometto iniziò ad attirare gran parte delle genti cittadine.

Nel frattempo i continui attacchi alle carovane provenienti dalla Mecca da parte dei mussulmani di Medina costituivano una seria minaccia per l’economia della Mecca. I Quraishiti dopo fortune alterne con le armi si convertirono all’islam e aprirono a Maometto le porte della città (gennaio 630) da allora crebbe di continuo il numero delle tribù beduine che si convertirono all’islam.

Riassunto di storia successivo >>>

<<< Torna all’elenco dei riassunti di storia medievale

<<< Riassunto di storia precedente

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Storia Storia medievale

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it