Cronologia della matematica: elenco numero di scoperte

_______

Qual’è la cronologia della matematica nella storia? Di sotto abbiamo inserito un breve schema che indica le scoperte matematiche relative a ciascuna cronologia storica; nel caso vi siano delle parti scorrette o delle aggiunte da fare per favore utilizzate il modulo dei commenti.

Cronologia della matematica fino all’anno zero

  • 2800 AC – Il quadrato di Lo Shu, un quadrato magico del terzo ordine viene scoperto in Cina.
  • 2450 AC – Egitto, il primo metodo sistematico di calcolo del cerchio viene scoperto nella base del sacro triangolo 3-4-5,
  • 1650 AC – Papiro di Rhind, in una copia di un rotolo perso nel 1850 BC, lo scrivano Ahmes presenta la prima approssimazione conosciuta del π a 3.16 e il primo tentativo di quadratura del cerchio.
  • 530 AC – Discepoli di Pitagora studiano la geometria e le vibrazioni delle stringhe di lyre; questo gruppo scopre anche l’ irrazionalità della radice quadrata di due,
  • 370 AC – Eudosso utilizza il metodo di esaustione per determinare l’area,
  • 350 AC – Aristotele discute del ragionamento logico nel Organon,
  • 300 AC – Euclide negli Elementi studia la geometria e i sistemi assiomatici, dimostra l’infinità dei numeri primi e presenta gli algoritmi euclidei; enuncia la legge della riflessione di Catoptrics, e dimostra il teorema fondamntale dell’aritmetica
  • 260 AC – Archimede calcola il π con due cifre decimali inscrivendo e circonscivendo un poligono e calcola l’area di un segmento di parabola,
  • 225 AC – Apollonio di Perga scrive le Sezioni Coniche e da il nome all’ ellisse, parabola, e all’ iperbole,
  • 200 AC ?240 AC – Eratostene usa il crivello di Eratostene per isolare i numeri primi dalla infinita di numeri non primi e dimostra che i numeri primi sono a loro volta infiniti,
  • 140 AC – Ipparco sviluppa la base della trigonometria.

Cronologia della matematica dall’anno zero al 1500

  • 250 – Diofanto usa dei simboli per definire i termini sconosciuti in syncopated algebra, e scrive Arithmetica, la prima trattazione sistematica dell’algebra,
  • 450 – Zu Chongzhi calcola il π con sette cifre decimali,
  • 550 – I matematici Hindu danno allo zero una rappresentazione numerica in un sistema di rappresentazione posizionale,
  • 628 – Brahmagupta scrive Brahma- sphuta- siddhanta,
  • 750 – Al-Khwarizmi – Considerato il padre della moderna algebra. Primo matematico che lavorò sui dettagli dell’Aritmetica e dell’Algebra oltre che alla sistematizzazione della teoria delle equazioni lineari e quadratiche.
  • 895 – Thabit ibn Qurra – L’unico frammento sopravvissuto dei suoi lavori contiene un capitolo sulle soluzioni e le proprietà delle equazioni cubiche,
  • 975 – Al-Batani – Estese il concetto indiano di seno e coseno e delle altre proprietà trignonometriche tipo tangente, secante e i reciproci. Scopre la formula: sin α = tan α / (1+tan² α) e cos α = 1 / (1 + tan² α).
  • 1020 – Abul Wafa – Scopre la famosa formula: sin (α + β) = sin α cos β + sin β cos α. E discusse della quadratura della parabola e del volume del paraboloide .
  • 1030 – Ali Ahmed Nasawi – Sviluppa la divisione dei giorni in 24 ore, delle ore in 60 minuti e dei minuti in 60 secondi.
  • 1070 – Omar Khayyam Iniziò scrivendo il Treatise on Demonstration of Problems of Algebra e classificò le equazioni cubiche. Invento le equazioni quadratiche di secondo e terzo grado.
  • 1202 – Leonardo Fibonacci dimostra l’utilità dei numeri arabi nel “libro dell’Abaco”,
  • 1303 – Zhu Shijie pubblica Specchio preciso dei quattro elementi, che contiene il metodo antico per organizzare i coefficenti binomiali in un triangolo.
  • 1424 – Ghiyath al-Kashi – calcola π fino alla sedicesima cifra decimale usando l’inscrizione e la circoscrizione in un poligono.

Cronologia della matematica dal 1500 al 1700

  • 1520 – Scipione dal Ferro sviluppa il metodo per risolvere le equazioni cubiche,
  • 1535 – Niccolo Tartaglia sviluppa il metodo per risolvere le equazioni cubiche,
  • 1540 – Lodovico Ferrari risolse le equazioni di quarto grado,
  • 1596 – Ludolf van Ceulen calcola π fino alla ventesima cifra decimale inscrivendo e circonscrivendo il cerchio con un poligono,
  • 1614 – John Napier scrive dei logaritmi neperiani in Mirifici Logarithmorum Canonis Descriptio,
  • 1617 – Henry Briggs scrive dei logaritmi decimali in Logarithmorum Chilias Prima,
  • 1619 – René Descartes scopre la geometria analitica,
  • 1629 – Pierre de Fermat sviluppa un rudimentale calcolo differenziale,
  • 1634 – Gilles de Roberval mostra che l’area coperta da una cicloide è tre volte l’area del relativo cerchio di generazione ,
  • 1637 – Pierre de Fermat dichiara che ha dimostrato l’ultimo teorema di Fermat in una copia dell’ Arithmetica,
  • 1654 – Blaise Pascal e Pierre de Fermat creano la teoria della probabilità,
  • 1655 – John Wallis scrive l’Arithmetica Infinitorum,
  • 1658 – Christopher Wren mostra che la lunghezza della cicloide è quattro volte il diametro del cerchio di venerazione,
  • 1665 – Isaac Newton lavora sui teoremi fondamentali del calcolo infinitesimale e inventa questa versione del calcolo infinitesimale,
  • 1668 – Nicholas Mercator e William Brouncker scoprono le serie infinite per il logaritmo mentre tentano di calcolare l’area sottesa dal segmento iperbolico,
  • 1671 – James Gregory scopre l’espansione delle serie per l’inverso della tangente,
  • 1673 – Gottfried Leibniz indipendentemente inventa la sua versione del calcolo infinitesimale,
  • 1675 – Isaac Newton inventa il metodo per il calcolo delle radici,
  • 1691 – Gottfried Leibniz scopre il metodo della separazione delle variabili per le equazioni differenziali ordinarie,
  • 1693 – Edmund Halley prepara le prime tabelle di mortalità che collegano statisticamente il tasso di mortalità all’età,
  • 1696 – Guillaume de L’Hôpital pubblica la sua regola per calcolare in modo semplice i limiti sotto alcune condizioni,
  • 1696 – Jakob Bernoulli e Johann Bernoulli risolvono brachistochrone problem, il primo risultato del calcolo delle variazioni.

Cronologia della matematica dal 1700 al 1800

  • 1706 – John Machin sviluppa una versione veloce della convergenza dell’inverso delle serie di tangenti per il calcolo del π e calcola π con 100 cifre decimali,
  • 1712 – Brook Taylor sviluppa le serie di Taylor,
  • 1722 – Abraham De Moivre pubblica il teorema di De Moivres collegando le funzioni trigonometriche e i numeri complessis,
  • 1724 – Abraham De Moivre studia le statistiche della mortalità e fonda la teoria che sta alla base del calcolo dei vitalizi pubblicandola sui Annuities on Lives,
  • 1730 – James Stirling pubblica The Differential Method,
  • 1733 – Giovanni Gerolamo Saccheri studia la geometria nel caso che il quinto postulato di Euclide sia falso,
  • 1733 – Abraham de Moivre iintroduce la distribuzione normale come approssimazione della distribuzione binomiale in probabilità,
  • 1734 – Leonhard Euler introduce le tecniche integrali per risolvere le equazioni differenziali ordinarie di primo grado,
  • 1736 – Leonhard Euler risolve il problema dei sette ponti di Königsberg, creando la teoria dei grafi,
  • 1739 – Leonhard Euler risolve in modo generale le equazioni differenziali lineari omogenee a parametri costanti,
  • 1742 – Christian Goldbach congettura che ogni numero pari maggiore di due possa essere espresso come la somma di due numeri primi, ora conosciuto come congettura di Goldbach,
  • 1748 – Maria Gaetana Agnesi discute di analisi in Instituzioni Analitiche ad Uso della Gioventù Italiana,
  • 1761 – Thomas Bayes utilizza il teorema di Bayes,
  • 1762 – Joseph Louis Lagrange scopre il teorema della divergenza,
  • 1789 – Jurij Vega sviluppa la formula di Machin e calcola π fino a 140 cifre decimali,
  • 1794 – Jurij Vega pubblica Thesaurus Logarithmorum Completus,
  • 1796 – Carl Friedrich Gauss dimostra che un poligono regolare con 17 facce non può essere costruito solo con compasso e riga
  • 1796 – Adrien-Marie Legendre congettura il teorema dei numeri primi,
  • 1797 – Caspar Wessel associa i vettori ai numeri complessi e studia le operazioni sui numeri complessi in termini di geometria,
  • 1799 – Carl Friedrich Gauss dimostra il teorema fondamentale dell’algebra (ogni equazione polinomiale ha un numero di soluzioni pari al proprio grado nei numeri complessi).

Cronologia della matematica dal 1800 al 1850

  • 1801 – Nel libro Disquisitiones Arithmaticae, Carl Friedrich Gauss tratta la teoria dei numeri, il libro è pubblicato in latino,
  • 1805 – Adrien-Marie Legendre utilizza il metodo dei minimi quadrati per misurare una curva ottenuta da un insieme di osservazioni,
  • 1807 – Joseph Fourier annuncia la scoperta della decomposizione trigonometrica delle funzioni,
  • 1811 – Carl Friedrich Gauss discute il significato degli integrali con i limiti complessi e brevemente esamina la dipendenza di tali integrali sul percorso scelto per l’integrazione,
  • 1815 – Siméon-Denis Poisson effettua le integrazioni lungo i percorsi nel piano complesso,
  • 1817 – Bernard Bolzano presenta il teorema del valore medio, una funzione continua che è negativa in uno punto e positiva in un altro punto deve essere uguale a zero per almeno un punto tra il punto positivo e il punto negativo,
  • 1822 – Augustin-Louis Cauchy presenta il teorema dell’integrale di Cauchy per integrazione intorno al contorno di un rettangolo in un piano complesso,
  • 1824 – Niels Henrik Abel dimostra parzialmente che le equazioni di quinto o più alto grado non possono essere risolte da una formula generale che coinvolge soltanto gli operatori aritmetici e radici,
  • 1825 – Augustin-Louis Cauchy presenta il teorema dell’integrale di Cauchy per i percorsi generali di integrazione — presuppone che la funzione che è integrata ha un derivato continuo ed introduce la teoria dei residui nell’analisi,
  • 1825 – Johann Peter Gustav Lejeune Dirichlet e Adrien-Marie Legendre dimostrano l’ultimo teorema di Fermat per n = 5,
  • 1825 – André-Marie Ampère scopre il teorema di Stokes,
  • 1828 – George Green dimostra il teorema di Green,
  • 1829 – Nikolai Ivanovich Lobachevsky pubblica il suo lavoro sulle superfici iperboliche nella geometria non euclidea,
  • 1831 – Mikhail Vasilievich Ostrogradsky riscopre e dà la prima dimostrazione del teorema della divergenza descritto da Lagrance, da Gauss e da Green,
  • 1832 – Évariste Galois presenta le condizioni generali per la risolvibilità delle equazioni algebriche, elemento essenziale e fondante della teoria dei gruppi e della teoria di Galois,
  • 1832 – Peter Dirichlet dimostra l’ultimo teorema di Fermat con n = 14,
  • 1835 – Peter Dirichlet dimostra il teorema di Dirichlet riguardante i numeri principali nelle progressioni aritmetiche,
  • 1837 – Pierre Wantsel dimostra che raddoppiare il cubo e trisecare un angolo è impossibile con soltanto un compasso e una riga, così come il problema del costruzione dei poligoni regolari
  • 1841 – Karl Weierstrass scopre ma non pubblica il teorema dell’espansione di Laurent,
  • 1843 – Pierre-Alphonse Laurent scopre e pubblica il teorema dell’espansione di Laurent,
  • 1843 – William Hamilton inventa il calcolo dei quaternioni e deduce la loro non commutatività,
  • 1847 – George Boole formalizza la logica simbolica nel libro The Mathematical Analysis of Logic, definendo ciò che oggi è chiamata algebra Booleana,
  • 1849 – George Gabriel Stokes mostra che le onde singole possono essere una combinazione di onde periodiche.

Cronologia della matematica dal 1850 al 1900

  • 1850 – Victor Alexandre Puiseux distingue tra poli e diramazioni in una funzione complessa e studia i punti singolari essenziali,
  • 1850 – George Gabriel Stokes riscopre e dimostra il Teorema di Stokes,
  • 1854 – Bernhard Riemann inizia lo studio della geometria di Riemann,
  • 1854 – Arthur Cayley mostra che i quaternioni possono essere usati per rappresentare delle rotazioni quattro-dimensionali nello spazio,
  • 1858 – August Ferdinand Möbius iinventa l’anello di Möbius,
  • 1859 – Bernhard Riemann formula l’ipotesi di Riemann, questa ipotesi ha delle profonde implicazioni con la distribuzione dei numeri primi,
  • 1870 – Felix Klein definisce una geometria analitica per la geometria di Lobachevski e dimostra che questa geometria è consistente e che è indipendente dal quinto postulato di Euclide,
  • 1873 – Charles Hermite dimostra che la constante matematica e è un numero trascendente,
  • 1873 – Georg Frobenius presenta il suo metodo per l’individuazione delle soluzioni formate da serie nelle equazioni differenziali lineari con i punti singolari regolari,
  • 1874 – Georg Cantor mostra che l’insieme dei numeri reali è insieme non numerabile e al contempo che l’insieme dei numeri algebrici è insieme numerabile. Contrariamente a una credenza ampiamente diffusa, non usa il suo famoso metodo della diagonale di Cantor, dato che lo pubblicherà tre anni dopo (né ha ancora formulato la teoria degli insiemi).
  • 1878 – Charles Hermite risolve le equazioni di quinto grado generali per mezzo di funzioni ellittiche e modulari
  • 1882 – Ferdinand von Lindemann dimostra che π è transcendentale e quindi il cerchio non può essere quadrato con una riga e compasso,
  • 1882 – Felix Klein inventa la bottiglia di Klein,
  • 1895 – Diederik Korteweg e Gustav de Vries derivano l’equazione KdV che descrive lo sviluppo delle onde solitarie lungo dell’acqua in un canale della sezione trasversale rettangolare,
  • 1895 – Georg Cantor pubblica un libro sulla teoria degli insiemi che contiene l’aritmetica dell’infinito dei numeri cardinali e l’ipotesi del continuo,
  • 1896 – Jacques Hadamard e Charles de La Vallée-Poussin indipendentemente dimostrano il teorema dei numeri primi,
  • 1896 – Hermann Minkowski presenta Geometry of numbers,
  • 1899 – Georg Cantor scopre le contraddizioni nella teoria degli insiemi,
  • 1899 – David Hilbert presenta un insieme degli assiomi geometrici autoconsistenti nella Foundations of Geometry

Cronologia della matematica dal 1900 al 1924

  • 1900 – David Hilbert enuncia una lista di 23 problemi che indicano dove lo sviluppo matematico deve concentrarsi,
  • 1901 – Élie Cartan sviluppa le derivate esterne,
  • 1903 – Carle David Tolme Runge presenta l’algoritmo della fast Fourier Transform,
  • 1903 – Edmund Georg Hermann Landau dà una dimostrazione molto semplice del teorema principale dei numeri,
  • 1908 – Ernst Zermelo assiomatizza la teoria degli insiemi, ed evidenzia le contraddizioni di Cantor,
  • 1908 – Josip Plemelj risolve il problema di Riemman dell’esistenza di un’equazione differenziale con dato gruppo monodromico ed usa le formule di Plemelj – Sokhotsky,
  • 1912 – Luitzen Egbertus Jan Brouwer presenta il teorema del punto fisso di Brouwer,
  • 1912 – Josip Plemelj pubblica una versione semplificata della dimostrazione dell’ultimo teorema di Fermat per n = 5,
  • 1913 – Srinivasa Aaiyangar Ramanujan trasmette una lunga lista di teoremi senza dimostrazione a G. H. Hardy.
  • 1914 – Srinivasa Aaiyangar Ramanujan pubblica Modular Equations and Approximations to π,
  • 1919 – Viggo Brun definisce la costante di Brun B2 per i gemelli perfetti.

Cronologia della matematica dal 1925 al 1949

  • 1928 – John von Neumann comincia ad inventare i principi della teoria dei giochi e dimostra il teorema del minimax,
  • 1930 – Casimir Kuratowski dimostra che il problema dei tre cottage non ha soluzione,
  • 1931 – Kurt Gödel dimostra il teorema dell’incompletezza il quale dimostra che ogni sistema assiomatico per la matematica è incompleto o contradditorio,
  • 1931 – Georges De Rham sviluppa il teorema della coomologia e delle classi caratteristiche,
  • 1933 – Karol Borsuk e Stanislaw Ulam presentano il teorema antipodale podale di Borsuk-Ulam,
  • 1933 – Andrey Nikolaevich Kolmogorov pubblica il libro Basic notions of the calculus of variations (Grundbegriffe der Wahrscheinlichkeitsrechnung) che contiene una assiomatizzazione della probabilità basata sulla teoria della misura,
  • 1940 – Kurt Gödel dimostra che né l’ipotesi del continuo né l’assioma della scelta possono essere eliminati dagli assiomi standard della teoria degli insiemi,
  • 1942 – G.C. Danielson e Cornelius Lanczos sviluppano l’algoritmo della Fast Fourier Transform,
  • 1943 – Kenneth Levenberg propone un metodo per sommare i minimi quadrati in modo non lineare,
  • 1948 – Il matematico John von Neumann studia il comportamento delle macchine auto-riproducentesi,
  • 1949 – John von Neumann calcola il π con 2.037 cifre decimali usando ENIAC.

dal 1950 al 1974

  • 1950 – Stanislaw Ulam e John von Neumann presentano gli automi cellulari nei sistemi dinamici,
  • 1953 – Nicholas Metropolis introduce l’idea della ricottura simulata delle procedure termodinamiche,
  • 1955 – Enrico Fermi, John Pasta, e Stanislaw Ulam studiano numericamente un modello non lineare della molla in conduzione di calore e il comportamento delle onde solitarie.
  • 1960 – C. A. R. Hoare inventa l’algoritmo del quicksort,
  • 1960 – Irving Reed e Gustave Solomon presentano il codice di correzione d’errore Reed-Solomon,
  • 1961 – Daniel Shanks e John Wrench calcolano il π con 100,000 cifre decimali usando l’identità dell’inverso della tangente e un computer IBM-7090,
  • 1962 – Donald Marquardt propone l’algoritmo di calcolo dei minimi quadrati non lineari Levenberg-Marquardt,
  • 1963 – Paul Cohen usa questa tecnica per dimostrare che né l’ipotesi del continuo né l’assioma della scelta possono essere derivati dagli assiomi standard della teoria degli insiemi,
  • 1963 – Martin Kruskal e Norman Zabusky studiano analiticamente il problema delle conduzione del calore Fermi-Pasta-Ulam nel limite del continuo e provano che equazione di KdV governa questo sistema,
  • 1965 – Martin Kruskal e Norman Zabusky numericamente studiano le onde singole nel plasma e scoprono che non si disperdono dopo gli scontri,
  • 1965 – James Cooley e John Tukey presentano l’algoritmo della Fast Fourier Transform,
  • 1966 – E.J. Putzer presenta due metodi per la computazione dell’esponenziale della matrice in termini di polinomio in quella matrice,
  • 1967 – Robert Langlands formula l’influente programma di Langlands delle congetture che collegano la teoria dei numeri e la teoria della rappresentazione,
  • 1968 – Michael Atiyah e Isadore Singer dimostrano il teorema dell’indice di Atiyah-Cantante riguardante l’indice degli operatori ellittici.

dal 1975 al 1999

  • 1975 – Benoit Mandelbrot pubblica Les objets fractals, forn, hasard et dimension,
  • 1976 – Kenneth Appel e Wolfgang Haken usano il computer per dimostrare il teorema dei quattro colori,
  • 1983 – Gerd Faltings dimostra la congettura di Mordell e quindi dimostra che ci sono soltanto un numero limitato di soluzioni intere per ogni esponente dell’ultimo teorema di Fermat,
  • 1983 – La classificazione dei gruppi semplici finiti, un lavoro di collaborazione cui partecipano circa cento matematici e durato trenta anni, viene terminato,
  • 1985 – Louis de Branges de Bourcia dimostra la congettura di Bieberbach,
  • 1987 – Yasumasa Kanada, David Bailey, Jonathan Borwein, e Peter Borwein usano le approssimazioni modulari iterative di equazione agli integrali ellittici ed un supercomputer NEC Sx-2 per calcolare il π a 134 milione di cifre decimali,
  • 1991 – Alain Connes e John W. Lott sviluppano la geometria non commutativa,
  • 1994 – Andrew Wiles dimostra parte della congettura Taniyama-Shimura e quindi dimostra l’ultimo teorema di Fermat,
  • 1998 – Thomas Hales (quasi certamente) dimostra la congettura di Kepler,
  • 1999 – Tutta la congettura Taniyama-Shimura viene dimostrata.

dal 2000 ad oggi

  • 2000 – Il Clay Mathematics Institute stabilisce i sette problemi più importanti del millennio riguardanti la matematica classica e offre un premio a chi riuscirà a risolverli,
  • 2002 – Manindra Agrawal, Nitin Saxena, e Neeraj Kayal del IIT Kanpur presentano un algoritmo deterministico di tipo polinomiale che determina se un numero è un numero primo,
  • 2002 – Yasumasa Kanada, Y. Ushiro, Hisayasu Kuroda, Makoto Kudoh e un gruppo di altre nove persone calcolano il π con 1241 miliardi di cifre decimali usando un supercomputer Hitachi a 64-nodi.
   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Matematica

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it