Cos’è una “tabula affinitatum”? Esempio e spiegazione storica

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 
Questa tabula raffigurata in foto dovrebbe essere una copia di quella usata dal farmacista Franz Huber Hoefer

Le Tabulae affinitatum si sviluppano ed hanno il loro massimo impiego nella Francia e nella Germania del XVIII secolo. Le Tabulae affinitatum mostrano quanto una sostanza è affine ad un’altra in una reazione chimica. La loro lettura avviene partendo dalle sostanze fondamentali adoperate dal chimico, le quali sono collocate in testa ad ogni colonna della tabella.

La posizione delle sostanze sottostanti indica il diverso grado di affinità rispetto alla fondamentale (l’affinità è la tendenza alla combinazione, all’unione, tra i vari elementi chimici).  Ad esempio, una sostanza che si trova nella seconda casella della colonna ha un’affinità maggiore per quella fondamentale rispetto all’elemento che si trova nella casella il quale, a sua volta, ha un’affinità prevalente per il primo componente rispetto a quello presente nel quarto riquadro, e così via.

La simbologia utilizzata è quella della tradizione alchemica per cui ad ogni figura presente nei riquadri della tabella corrisponde una determinata sostanza o elemento conosciuto, adoperato nella chimica e nell’alchimia.

   
_______

More Like This


Categorie


Società e cultura

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Categorie