Cos’è la displasia dell’anca? Appunti di farmacia riguardanti la displasia dell’anca

_______

Tecnica professionale appunti

Che cos’è la displasia congenita? Come si definisce? Diamo la risposta nelle prossime righe e facciamo un po di chiarezza in merito in questi appunti.

La displasia dell’anca, conosciuta anche come lussazione congenita dell’anca (LCA) o displasia congenita dell’anca (DCA), è uno sviluppo anomalo dell’articolazione dell’anca che porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla cavità acetabolare. Ha inizio in epoca fetale e, se non trattata, evolve durante i primi anni di vita con esiti permanenti e invalidanti. Per questo suo carattere evolutivo, è definita anche displasia evolutiva dell’anca (Developmental Dysplasia of the Hip – DDH)

La displasia congenita dell’anca veniva definita DCA ma poiché oggi giorno la letteratura anglosassone domina al momento è stata rinominata DDH che sta per displasia dell’anca Evolutiva: come mai è stato cambiato da congenita ad Evolutiva? Innanzi tutto se la definiamo congenita, come in italiano, andiamo ad estendere con questo termine tutta la patologia dell’anca congenita in generale ovvero lussazione congenita dell’anca, sublussazione congenita dell’anca e displasia congenita dell’anca e lo stesso significato lo ha per gli inglesi. Il termine displasia, invece, tralasciando le definizioni anatomo-patologiche, significa un difetto dell’individuo che può portare una lussazione, sub lussazione e displasia lieve dell’anca. Ora, torniamo alla parola congenito. Che significa? Significa presente alla nascita, ma se significa presente alla nascita significa anche evidente alla nascita che vedo. Quindi una lussazione, che è una perdita completa e permanente (se e incompleta si parla di sublussazione) di due capi articolari la si deve vedere alla nascita.

Quanto è frequente la displasia congenita?

Abbiamo detto che è la malattia più frequente, abbiamo detto che ha una frequenza di 1:1000: ora questo 1:1000 che significa? E’ la probabilità di trovare in un certo numero di nati vivi quel tipo di malattia, l’incidenza invece è quel dato che puoi verificare un momento ottimale della vita del paziente. Quanti ne nascono in un anno? Avete idea di quanti bambini nascono in un anno? In Italia nascono al di sotto di 600000 bambini l’anno, che è veramente poco, quindi 1 bambino al minuto. Quanti ne dovrebbero nascere affetti da questa patologia? Semplificando 100:100000. In Italia su un numero statisticamente significativo di mezzo milione di persone di nati vivi, a questo punto dovreste sapere quale è la prevalenza della malattia, se ne trovate di più, avete le famose (non ho capito comunque in Italiano si traduce come eccesso di diagnosi). Dovete sapere che se io vado a vedere in letteratura i lavori di screneeng della DDH, io trovo lavori che non superano i 10000 nati vivi. Bastano? Sono sufficienti? Su 10000 ne troveremo 10.

Allora torniamo al discorso di congenito, l’americano ha detto “non mi interessa il congenito, mi interessa l’evolutivo”, perché le lussazioni congenite vere, quelle positive alla manovra di Ortolani, sono solo il 2% dei casi, quindi il 98% dei casi sono tutte displasie, quindi non possono essere considerate congenite tutte se solo il 2% lo sono.

 

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Farmacologia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it