Contratto di società – appunti diritto commerciale

Diritto-commerciale-appunti

Mediante il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l’esercizio in comune di un’attività economica allo scopo di dividerne gli utili. (Articolo 2247 del codice civile).

La società nasce quindi con un contratto.

Originariamente era così, oggi non è più vero perchè, per alcuni modelli societari, la società può nascere da un atto unilaterale, è sufficiente quindi che una persona fisica, con atto unilaterale avente natura negoziale, determini la nascita di un nuovo soggetto giiuridico, la società originariamente unipersonale.

Quando la società nasce da un contratto, invece, si forma con un contratto plurilaterale con comunione di scopo, un contratto che ha quindi natura associativa (aperto), stipulato da una pluralità di soggetti che hanno un interesse comune, descritto dal restante contenuto dell’articolo), ovvero creare un’organizzazione mediante la quale esercitare in comune un’attività produttiva.

Quali sono gli elementi qualificanti la fattispecie di società?

I soci: i soci possono essere persone fisiche o soggetti collettivi (la società può essere partecipata anche da altri soggetti collettivi).

Conferimenti: i soci conferiscono beni e servizi al momento della stipula del contratto o dell’atto da cui la società si origina.

Si tratta degli apporti tramite i quali la società è messa in condizione di iniziare l’attività produttiva, i conferimenti hanno quindi la funzione produttiva, in quanto costituiscono il capitale sociale che è la prima risorsa disponibile per l’esercizio dell’attività.

Dal punto di vista dei soci, i conferimenti sono prestazioni che il socio si obbliga a effettuare tramite contratto ( o tramite atto unilaterale) di società, tali prestazioni possono essere di fare o di dare.

Se si tratta di obbligazione di dare, con il conferimento il socio destina stabilmente una parte del proprio patrimonio personale al patrimonio della società.

All’atto di costituzione della società, infatti, essa viene dotata di un proprio patrimonio, il capitale sociale.

Caratteristiche del capitale sociale:

Il capitale sociale non può essere superiore alla somma dei singoli apporti dei soci e non può essere distolto dall’esercizio dell’attività fino all’estinzione della società o alla sua formale riduzione, è soggetto quindi al vincolo di destinazione.

In questo senso ha una funzione di garanzia dei creditori, i quali possono aggredire il patrimonio netto della società, di cui il capitale sociale rappresenta la frazione indisponibile.

Con il conferimento il socio partecipa al rischio di impresa, ciascun socio infatti conferisce una parte del proprio patrimonio netto della società, di cui il capitale sociale rappresenta la frazione indisponibile.

Infatti il rischio di impresa è sopportato dai soci se, una volta liquidato il patrimonio sociale e pagati tutti i creditori, non rimane quanto sufficiente a rimborsarli del conferimento effettuato inizialmente.

La pretesa del socio rispetto alla società in ordine di rimborso dei conferimenti è residuale.

Secondo il presente articolo possono essere conferiti beni o servizi (obbligazioni di dare o di fare).

Questo non è sempre vero, infatti, a seconda dei modelli societari, è il legislatore a stabilire di volta in volta cosa può essere conferito.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*