Come erano strutturate le cucine degli antichi romani (culina) nelle domus

come-erano-le-cucine-degli-antichi-romani-culina

La cucina (culina) delle domus romane, stanza perlopiù piuttosto piccola e modesta, era caratterizzata dalla presenza di un focolare, costituito da un semplice piano o da un bancone di muratura, sul quale si stendeva uno spesso strato di cenere e braci necessario per la cottura dei cibi. Nella parte sottostante era di solito ricavato un forno per la cottura del pane, mentre a fianco si trovava un lavello, che nelle dimore più lussuose era dotato di acqua corrente. Sopra al focolare venivano sistemati i veri e propri fornelli, treppiedi di metallo su cui si appoggiavano le pentole. Queste erano realizzate in ceramica comune grezza, caratterizzata da un impasto particolarmente resistente al calore, e la loro forma variava secondo le pietanze che si dovevano cuocere; olle, teglie, padelle e casseruole erano utilizzate per la preparazione di zuppe e bolliti, focacce, polente, sughi, arrosti e fritti. Appesi alle pareti o appoggiati su semplici mensole vi erano poi tutti gli strumenti accessori indispensabili per cucinare come coltelli, mestoli e sopratutto mortai (certo i romani non avevano le macchine per le granite ovviamente 😀 ), fondamentali per schiacciare i cereali e preparare salse e condimenti di vario genere.

La cucina era anche il luogo in cui si conservavano gli alimenti. Nella dispensa i contenitori erano in ceramica comune, più deturpata rispetto a quella per la cottura, e in vetro soffiato, preferito alla ceramica perché trasparente e più facilmente lavabile. Le olle erano i vasi maggiormente utilizzati; quelle più grandi per frumento e cereali, quelle più piccole, magari in vetro, per salse e conserve varie. Il vino era immagazzinato in anfore, se ancora puro, o in brocche e bottiglie, se già mescolato a vari aromi, come mirto o miele. Per il vino più pregiato o gli oli vegetali vi erano poi le bottiglie a corpo quadrato di vetro, la cui peculiare forma permetteva di collocarle con economia di spazio e di modo agevole in casette di legno, armadi e cestini di vimini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*