Che cos'è il foglio di lavoro nel calcolo dei flussi – appunti di contabilità

Microeconomia-fattori produttivi-distinzione beni

Prima di arrivare al rendiconto, il calcolo dei flussi si effettua con diversi metodi. La cosa più importante è disporre di due Stati patrimoniali contigui e non compensati e del conto economico compreso.

a) Metodi in forma libera non ricorrono a scritture in partita doppia e si avvalgono di quadri riassuntivi bilanciati pervenendo ai flussi mediante rettifiche non sistematiche.

b) metodi matematici, partendo dall’equazione A = P + N , si utilizzano equazioni per ottenere gli elementari flussi come variazioni equivalenti dell’identità A = P + N.

c) metodi contabili tramite i quali costruiamo le rettifiche avvalendoci di scritture contabili in partita doppia per ottenere i reali flussi finanziari. Questo si fa con il foglio di lavoro, utilizzando stati patrimoniali riclassificati finanziari ma non compensati  e da un conto economico.

Nella prima colonna del foglio di lavoro è presente il fondo di riferimento e sotto le voci esterne ad esso, prima l’attivo, poi il passivo, poi l’utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*