Carme 8 di Catullo: traduzione in italiano con testo latino (Analisi, commento, metrica)

_______________

____________________
 
 
 
 
 

In questa pagina la traduzione in italiano del carme 8 di Catullo, con anche testo latino, analisi, commento e metrica.

In un andare e venire di sentimenti fra loro contrastanti, che come vedremo sono tipici di tutto il Liber, Catullo si commisera nei suoi stessi versi, promettendo a se stesso di essere ostinato e riuscire a resistere con tutte le sue forze alla grande volontà di amore verso Lesbia che lo costringe a tormentarsi mentre questa non lo desidera più. Eppure, in mezzo a tanti propositi ostinati e risoluti, si inserisce la dolcezza ammaliante del ricordo.

Testo latino del carme 8 di Catullo

Miser Catulle, desinas ineptire,
et quod vides perisse perditum ducas.
Fulsere quondam candidi tibi soles,
cum ventitabas quo puella ducebat
amata nobis quantum amabitur nulla.
Ibi illa multa tum iocosa fiebant,
quae tu volebas nec puella nolebat.
Fulsere vere candidi tibi soles.
Nunc iam illa non volt: tu quoque inpotens, noli,
nec quae fugit sectare, nec miser vive,
sed obstinata mente perfer, obdura.
Vale, puella. Iam Catullus obdurat,
nec te requiret nec rogabit invitam.
At tu dolebis, cum rogaberis nulla.
Scelesta, vae te, quae tibi manet vita?
Quis nunc te adibit? Cui videberis bella?
Quem nunc amabis? Cuius esse diceris?
Quem basiabis? Cui labella mordebis?
At tu, Catulle, destinatus obdura.

Traduzione in italiano del carme 8 di Catullo

Miser Catulle, desinas ineptire,
Povero Catullo, smetti di vaneggiare,
et quod vides perisse perditum ducas.
e ciò che vedi essere finito, reputalo finito.
Fulsere quondam candidi tibi soles,
Brillarono un tempo per te giornate radiose,
cum ventitabas quo puella ducebat
quando andavi spesso dove la ragazza ti conduceva,
amata nobis quantum amabitur nulla.
amata da te quanto nessuna sarà amata.
Ibi illa multa tum iocosa fiebant,
Un tempo là si facevano quei molti continui giochi
quae tu volebas nec puella nolebat.
che tu volevi, e lei non si negava.
Fulsere vere candidi tibi soles.
Brillarono davvero per te giornate radiose.
Nunc iam illa non volt: tu quoque inpotens, noli,
Adesso lei non vuole più: anche tu, da forte, non volere,
nec quae fugit sectare, nec miser vive,
e non inseguire colei che fugge, e non vivere infelice,
sed obstinata mente perfer, obdura.
ma con animo ostinato resisti, tieni duro.
Vale, puella. Iam Catullus obdurat,
Addio, ragazza. Ormai Catullo tiene duro,
nec te requiret nec rogabit invitam.
e non ti cercherà e non te lo chiederà, visto che non vuoi.
At tu dolebis, cum rogaberis nulla.
Ma tu soffrirai, quando non ti si chiederà nulla.
Scelesta, vae te, quae tibi manet vita?
Sciagurata, maledizione a te, che vita ti resta?
Quis nunc te adibit? Cui videberis bella?
Chi ti vorrà? A chi sembrerai bella?
Quem nunc amabis? Cuius esse diceris?
Chi amerai? Da chi sarai amata?
Quem basiabis? Cui labella mordebis?
Chi bacerai? A chi morderai le labbra?
At tu, Catulle, destinatus obdura.
Ma tu, Catullo, ostinato resisti.

Traduzione solo in italiano del carme 8 di Catullo

Povero Catullo, smetti di vaneggiare,
e ciò che vedi essere finito, reputalo finito.
Brillarono un tempo per te giornate radiose,
quando andavi spesso dove la ragazza ti conduceva,
amata da te quanto nessuna sarà amata.
Un tempo là si facevano quei molti continui giochi
che tu volevi, e lei non si negava.
Brillarono davvero per te giornate radiose.
Adesso lei non vuole più: anche tu, da forte, non volere,
e non inseguire colei che fugge, e non vivere infelice,
ma con animo ostinato resisti, tieni duro.
Addio, ragazza. Ormai Catullo tiene duro,
e non ti cercherà e non te lo chiederà, visto che non vuoi.
Ma tu soffrirai, quando non ti si chiederà nulla.
Sciagurata, maledizione a te, che vita ti resta?
Chi ti vorrà? A chi sembrerai bella?
Chi amerai? Da chi sarai amata?
Chi bacerai? A chi morderai le labbra?
Ma tu, Catullo, ostinato resisti.

Analisi per la traduzione letterale del carme 8

(Per l’analisi completa del carme 8 di Catullo clicca qui).

Povero Catullo, smetti di vaneggiare [= ineptire],
e reputa [= ducas] perduto [= perditum] ciò che vedi essere svanito.
Un tempo brillarono per te giornate radiose,
quando andavi [= ventitabas] dove [= quo] ti conduceva la fanciulla amata da noi [= nobis] amata quanto nessuna [= nulla] sarà amata [= amabitur].
Lì [= ibi] con essa [= cum illa] si facevano [= fiebant] molte cose giocose [Catullo sicuramente intendeva giochi d’amore].
che tu volevi e la ragazza (lei nella traduzione sopra) non rifiutava.
Brillarono per te davvero giornate radiose.
Ora lei non vuole più [= iam]= anche tu, impotente, non inseguire [= noli sectare] (lei) che fugge, e non vivere infelice, ma con animo ostinato [= obstinata mente] sopporta [= perfer], resisti [= obdura].
Addio [= vale], ragazza, Catullo ormai [= iam] tiene duro (resiste) [= obdurat]
non ti cercherà [= requiret] né ti pregherà [= rogabit] contro la tua volontà [= invitam],
ma tu soffrirai [= dolebis] quando non sarai cercata da nessuno.
Sciagurata [= scelesta], guai a te [= vae te], che vita ti resta [= manet]?
Chi [= quis] ti si avvicinerà [= adibit] ora [= nunc]?
A chi [= cui] sembrerai [= videbiris] bella?
Chi [= quem] amerai [= amabis] ora?
Di chi [= cuius] sarai detta [= diceris] essere [= esse]? Chi [= quem] bacerai [= basiabis]?
A chi [= cui] morderai [= mordebis] le labbra [= labella]?
Ma [= at] tu, Catullo, ostinato [= destinatus] resisti [= obdura].

Lettura metrica del carme 8 di Catullo

Metro del carme 8 di Catullo: coliambi

Misèr Catùlle, dèsinàs inèptìre,
et quòd vidès perìsse pèrditùm dùcas.
Fulsère quòndam càndidì tibì sòles,
cum vèntitàbas quò puèlla dùcèbat,
amàta nòbis quàntum amàbitùr nùlla.
Ibi ìlla mùlta tùm iocòsa fíèbant,
quae tù volèbas nèc puèlla nòlèbat.
Fulsère vère càndidì tibì sòles.
Nunc iam ìlla nòn vult: tù quoque, ìmpotèns, nòli,
nec quaè fugìt sectàre, nèc misèr vìve,
sed òbstinàta mènte pèrfer, òbdùra.
Valè, puèlla, iàm Catùllus òbdùrat,
nec tè requìret nèc rogàbit ìnvìtam.
At tù dolèbis, cùm rogàberìs nùlla.
Scelèsta, vàe te! Quàe tibì manèt vìta?
Quis nùnc te adìbit? Cùi vidèberìs bèlla?
Quem nùnc amàbis? Cùius èsse dìcèris?
Quem bàsiàbis? Cùi labèlla mòrdèbis?
At tù, Catùlle, dèstinàtus òbdùra.

Commento e analisi del Carme 8 di Catullo

   

_______

More Like This


Categorie


letteratura latina

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it