Carme 104 (Catullo): traduzione in italiano e testo latino

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Catullo nel carme 104 toglie ogni dubbio sulle dicerie createsi nei propri confronti, ama troppo la sua vita anche solo per poterne dire male. D’altro canto non nega però di soffrire per amore, profondo come non mai.

Testo latino del carme 104 di Catullo

Credis me potuisse meae maledicere vitae,
ambobus mihi quae carior est oculis?
Non potui, nec, si possem, tam perdite amarem:
sed tu cum Tappone omnia monstra facis.

Traduzione in italiano del carme 104 di Catullo

Credi che io abbia potuto dire male della mia vita,
lei che mi è cara più di entrambi gli occhi?
Non potei, né, se l’avessi potuto, avrei amato così perdutamente:
ma tu con Tappone ti inventi mille fantasie.


Note alla traduzione

*”omnia monstra facis” letteralemente: fai ogni mostruosità

*Per “sed tu cum Tappone omnia monstra facis” una traduzione molto diffusa è anche: “Di ogni sciocchezza fai un dramma”


Vuoi aggiungere la tua analisi del carme 104 di Catullo? Per contribuire alla realizzazione di questa pagina lascia un commento alla fine dell’articolo con i tuoi suggerimenti o il testo didattico che vorresti aggiungere alla traduzione del carme 104 di Catullo.

   
_______

More Like This


Categorie


letteratura latina

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Categorie