Carme 103 (Catullo): testo latino e traduzione in italiano del carme

_______________

____________________
 
 
 
 
 

Nel carme 103 Catullo rimprovera Silone, colpevole di essere con lui arrogante e impetuoso, invitandolo prima di continuare con questo atteggiamento a restituire al poeta diecimila sesterzi; in caso contrario intima di smetterla con l’essere allo stesso tempo un lenone (un ruffiano) e così impetuoso ed arrogante.

Testo latino del carme 103 di Catullo

Aut sodes mihi redde decem sestertia, Silo,
deinde esto quamvis saevus et indomitus:
aut, si te nummi delectant, desine quaeso
leno esse atque idem saevus et indomitus.

Traduzione in italiano del carme 103 di Catullo

Se vuoi, rendimi quei diecimila sesterzi, Silone,
e poi sii pure feroce e impetuoso;
ma, se le monete ti piacciono smetti, ti prego,
di fare il ruffiano ed ugualmente il feroce e l’impetuoso.



Vuoi aggiungere qualcosa all’articolo? Per contribuire alla traduzione del carme 103 di Catullo lascia un commento con l’analisi del carme o un suggerimento di traduzione.

   

_______

More Like This


Categorie


letteratura latina

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it