Accettazione dei cookie



Carme 103 (Catullo): testo latino e traduzione in italiano del carme




Nel carme 103 Catullo rimprovera Silone, colpevole di essere con lui arrogante e impetuoso, invitandolo prima di continuare con questo atteggiamento a restituire al poeta diecimila sesterzi; in caso contrario intima di smetterla con l’essere allo stesso tempo un lenone (un ruffiano) e così impetuoso ed arrogante.

Testo latino del carme 103 di Catullo

Aut sodes mihi redde decem sestertia, Silo,
deinde esto quamvis saevus et indomitus:
aut, si te nummi delectant, desine quaeso
leno esse atque idem saevus et indomitus.

Traduzione in italiano del carme 103 di Catullo

Se ti va, rendimi quei diecimila sesterzi, Silone,
e poi sii pure feroce e impetuoso;
ma, se le monete ti piacciono smetti, ti prego,
di fare il ruffiano ed ugualmente il feroce e l’impetuoso.



Vuoi aggiungere qualcosa all’articolo? Per contribuire alla traduzione del carme 103 di Catullo lascia un commento con l’analisi del carme o un suggerimento di traduzione.


Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


letteratura latina

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it