“Ballata macabra” – poesia macabra di Corrado Cioci

_______

Titolo della poesia:

Ballata macabra

Brinda alla morte ,chi della morte e’ amico!
Al sorriso beffardo dell ultimo vagito ,
Che l ‘uom suona pria che sia dipartito.
Alla procella che mangia il lido
E la serenità del giorno
Gioisce chi alla vita e sordo .
I tristi fior di Crisantemi adornano
File interminabili di color che non fan
Ritorno .
Il lamento del gufo Rallegra l ‘ossa
Da troppo tempo pigre
Ormai lontano dalle antiche sfide .
Oh notte così cupa ,coperta di morte ,
Silenziosa scendi dal colle ,
E ammutolisci i canti
Giulivi .
Tetre figure ancor più scure
Fendon il buio per le ore dure.
Canto lento dell upupa assissa
Chissà dove tra il fogliame di
Scura pelle .
Alla fine di se uomo giunge
Per dolor o noia
Perfora il cor
di atro sangue che non
Riluce al giorno
Ma cone pece cade al suolo .
Ah come ferisce
Questo silenzio
Che conduce alla perduta via,
Della follia .
Amaro amore ,sciolto
Nel pianto nel ricordo .
In questo io mi fingo ,
E osservo :
Quando spunterà il giorno ?
Intanto le tenebre son fredde
Grigge, penetranti ,maledette
Tetro ballo della morte
Con la vita uno serra l’ altra
Cerca il lume .
Fitta nebbia cala che stringe
E assorbe lo spirito incerto ,
Sempre il rimpianto porta retro
Chi non giunge alla nuova riva .
Dimmi hai mai danzato
Con questa trista amica
In una notte di plenilunio ?
Era infida non lasciar
Che combatta e vinca !
Or la pioggia greve
Bagna quelle secche
Foglie
Fan felice le creature
Del Bosco che del giorno
Han timore.
Non più il docil profilo
Del monte ai tiepidi
Raggi di primavera
Ma solo per le scure
Vie del infernale
Deserto ,
Erebo attende in gran segreto .
Storni di uccelli neri
Come pensieri,
Volano nell ‘incerto .
Senti questo bel vento
Che scuote i pini ?
Questo profumo
Che solletica le nari
Dopo il mancato respiro ?
Già il sol non è più
Coverto
Fuggi via ballo inferno ,
Emera illumina la nuova
Valle !
Era il far dell alba
I primi
Infocati raggi
Rivestono il ciel
Da tanto pianto
Versato nella spelonca
Aversa.
Tiche la bona sorte
M’è sorella
Mi cinse la mano
Dimenticai
Il vortice di tanta pena .


 

Autore della poesia: Corrado Cioci

Commento alla poesia dell’autore:

Un luogo reale un bosco in cui ci si perde
e con terrore non si trova piu il ritorno
con macabre figure che si muovono nel buio.
ma altresi’ è un luogo interiore un vuoto che soffoca e atterrisce


 

Acquistare libri scritti da Corrado Cioci sul web

Puoi trovare online i libri di questo autore partendo da Amazon (link qui sotto) o da altre librerie digitali e fartelo arrivare a casa.


 

Per leggere altre poesie pubblicate su Infonotizia.it da Corrado Cioci puoi effettuare una ricerca tramite l’apposito modulo del nostro sito: inserisci il nome dell’autore e clicca sulla casella specifica per avviare la ricerca, visualizzerai le sue pubblicazioni a partire dalla più recente.

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


letteratura italiana

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it