Autotutela nella pubblica amministrazione: riassunto (appunti di diritto)

diritto-amministrativo-quiz

L’autotutela costituisce un potere amministrativo della pubblica amministrazione, e mediante il quale essa può eliminare o ridurre i conflitti, reali o potenziali, che possono sorgere in relazione ai suoi atti illegittimi od inopportuni, provvedendo direttamente ad annullarli, sanarli o modificarli. La titolarità del potere è riconosciuta oltre che all’organo che ha adottato l’atto, a quelli gerarchicamente superiori. L’istituto che mira a salvare, con efficacia ex tunc, una deliberazione affetta da un vizio sanabile è la sanatoria: si parla di ratifica nel caso in cui l’organo competente faccia propria una delibera affetta da incompetenza relativa; di convalida, nel caso in cui si completi un elemento parzialmente mancante nella delibera; di conversione allorché si possa sostituire ad un provvedimento illegittimo un altro, di cui sussistano tutti gli elementi necessari. L’annullamento d’ufficio consiste nell’eliminazione di un provvedimento illegittimo; di questo potere di annullamento non è titolare solo l’organo che ha adottato l’atto e l’autorità gerarchicamente superiore ma anche il Governo. La revoca, è invece, un istituto mediante il quale l’amministrazione pubblica produce la cessazione del futuro degli effetti di un provvedimento amministrativo ad efficacia continuativa, il quale, opportuno e legittimo al momento della sua adozione, sia successivamente divenuto inopportuno o illegittimo a causa dei mutamenti intervenuti.

 

(riassunto rielaborato da appunti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*