Astrid Døvle Dollis Dahlgren: una spia tedesca norvegese o del servizio svedese?

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Astrid Døvle Dollis Dahlgren (1899, Norvegia – 27 settembre 1981, Stoccolma) prima di essere una spia durante la seconda guerra mondiale è stata una dentista e una agente immobiliare della Norvegia; dopo diventò cittadina svedese tramite matrimonio.

<< Torna all’elenco delle spie nella seconda guerra mondiale

Astrid nacque in Norvegia nel 1899 e divenne dentista qualificata; sposò un altro dentista norvegese chiamato Dollis ma si sposò di nuovo nel 1943 con un uomo d’affari svedese di nome Dahlgren. Questo matrimonio le diede la cittadinanza svedese, anche se il matrimonio fu sciolto nel 1947.

Il direttore forense tedesco, Preiss, nel ramo Gestapo RSHA Amt IV, la convocò alle terrazze Vittoria, un edificio storico situato al centro di Oslo, dove fu assunta per scovare “la corruzione tra tedeschi” all’interno dell’amministrazione tedesca. La resistenza norvegese la designò come spia nel 1941.

Nel 1943, andò in Svezia per vivere con il suo nuovo marito, Lars Axel Dahlgren, che era un grossista a Djursholm. A Stoccolma, venne contattata da un detective svedese e accettò di spiare la Norvegia per le autorità svedesi. Rivelò, tra le altre cose, una mappa dei posizionamenti delle munizioni tedesche; gli svedesi però sospettavano che fosse stata inviata dai tedeschi per raccogliere informazioni sui loro segreti militari. Dahlgren fu arrestato il 23 febbraio 1944 quando cercò di lasciare illegalmente il paese con un “complice norvegese”. Astrid venne arrestata con l’accusa di spionaggio e raccolta di informazioni da parte del Servizio segreto svedese; la descrissero come “uno dei più pericolosi agenti nordici della Gestapo tedesca”. Il tribunale distrettuale di Nordmark nella municipalità di Årjäng la condannò a due anni di lavori forzati. Astrid venne rilasciata dal carcere femminile di Växjö nel 1946.

Il suo ruolo di spia non era chiaro secondo il quotidiano norvegese Morgenposten e l’avvocato norvegese Albert Wiesener è stato incaricato dalla stessa Dahlgren di scrivere la sua biografia nel tentativo di spiegare che non era stata un informatore delle autorità tedesche. Ancora oggi non sappiamo il suo ruolo con chiarezza.

<< Torna all’elenco delle spie nella seconda guerra mondiale


Fonti e bibliografia:

  1. Archivi nazionali inglesi – “Astrid Dovle DOLLIS-DAHLGREN: Norwegian. A qualified dentist” – ref. KV 2/554
  2. Consolato generale servizio di Informazioni Svedese (dettagli sotto)
   
_______

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Categorie