Accettazione dei cookie



Analisi e traduzione poesia “In A Station of the Metro” di Ezra Pound



Si dice che Pound sia stato ispirato da questo dipinto ukiyo-e di Suzuki Harunobu per la composizione della poesia “In a station of the metro”.

Ezra Pound fu uno dei protagonisti del modernismo e della poesia di inizio XX secolo e costituì la forza trainante dell’Imagismo, una corrente che prediligeva un linguaggio d’impatto, un immaginario spoglio e una netta corrispondenza tra la musicalità del verso e lo stato d’animo che esprimeva.

La poesia simbolo di questo movimento è la poesia-immagine “In a station of a metro”; la stazione, in questo caso di Parigi, è un luogo pubblico di una metropoli, un posto d’incontro sotterraneo illuminato da luce artificiale creata dall’uomo e proprio per questo motivo è irreale/evanescente.

Testo in inglese poesia “In A Station of the Metro” di Ezra Pound: in questa pagina.

Analisi della poesia “In A Station of the Metro”

Vediamo alcune parole importanti nella poesia:

  • Apparition= serve a dare un senso di non naturalezza, si parla quindi di un etereo da cui le persone si trovano osservate alla stregua di fantasmi. Si tratta quindi di qualcosa che come i fantasmi stessi non è usuale e che in un certo senso “appare” allo stesso modo.
  • Faces: come capirete facilmente si tratta delle facce che cita nella poesia; sono tutti volti anonimi aventi un espressione uguale.

Pound cerca quindi di parlare di apparizione non naturale e in particolare cerca di parlare della perdita della individualità umana, che adesso è diventata folla, massa, come d’altronde ci sta a indicare proprio la parola “faces”; si tratta insomma di una sineddoche (ovvero di una parte che va a sostituire l’intero) dove i volti, le facce, sostituiscono l’uomo e sono anonime e indefinite, mentre la metropolitana si riveste della simbologia di luogo di alienazione dell’uomo, simboleggia la città, la metropoli.

  • La parola “Petals” indica la forma ovale, e sta a descriverci in realtà la fragile essenza dell’uomo.
  • La parola “Bough” è una seconda sineddoche, dove i corpi sono i rami degli alberi, abbiamo la frammentazione di ogni cosa, lo svanire del singolo all’interno della moltitudine.
  • La parola “Black” significa nero e vuole significare sia il luogo dove si svolge la poesia (la metropolitana è scura, sottoterra, quindi al buio, nel nero) sia il fatto che sotto terra ci siano le tombe, ci sia il tema della morte.
  • La parola “Wet” significa bagnato ed è contrapposta alla parola “Dry” che significa secco: probabilmente si sta a indicare con “Wet” la primavera, la vita, mentre con “Dry” il secco e quindi la morte.

La poesia “In a station of the Metro” si rifa agli Haiku?

Ezra Pound si pensa che abbia deciso di prendere spunto dalla poesia orientale e in particolare dagli haiku, ponendosi in un certo senso a un livello separato rispetto alla tradizione letteraria dell’occidente.

Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo
[Voti: 3   Media: 4/5]

More Like This


Categorie


letteratura

Categorie





Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it