Accettazione dei cookie



Alcmane: frasi, citazioni, poesie e frammenti del poeta greco



Alcmane nacque a Sardi, in Asia Minore, nella seconda metà del VII sec. a.C., vivendo tuttavia per lo più a Sparta dove, condotto come schiavo, fu liberato e studiò alla scuola di Terpandro. Scrisse diversi generi, anche se i più noti versi di Alcmane oggi sono considerati i Parteni, che si potrebero dire una lirica corale più leggera, dotata di temi variegati tra il mito e gli scherzi.

  • L’esperienza è l’inizio della conoscenza.“
  • C’è un castigo che viene dagli dèi. | Felice chi è sereno | e trascorre il suo giorno | senza pianto.“
  • Dormono le cime delle montagne e le gole, i picchi ed i baratri, e le schiere animalesche, quanti nutre la nera terra, e le bestie abitatrici delle montagne e la stirpe delle api e i mostri negli abissi del mare rosso vivo; dormono le schiere degli uccelli dalle ali distese.“
  • Beato colui che serenamente, privo di pianto, intesse la trama del giorno.“
  • Oh dèi accogliete i nostri voti: in voi | sta il principio e la fine.

Di seguito, dopo le frasi di Alcmane più famose, riportiamo le sue poesie più conosciute:

Armi e poesia

Sposta di contro alle armi
il dolce poetare.

(Notturno) – versione di Pascoli:

Dormono de’ monti le vette e le valli

e i picchi e i burroni

e quanti esseri, che fogliano e che serpono, nutre la nera terra,

e le fiere montane e la schiatta delle api

e i mostri nei gorghi dell’iridato mare,

e dormono degli uccelli

i popoli, dall’ampio alare


Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


letteratura greca

Categorie





Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it