Alcalimetria indiretta (appunti di chimica)

_______
Nell’alcalimetria si determina mediante una soluzione basica a titolo noto, l’acidità contenuta nel campione incognito. La base comunemente impiegata è la NaOH e dato che non possiede i requisiti di sostanza madre e si prepara in concentrazione approssimata che viene poi standardizzata con ftalato acido di potassio. – Ftalato acido di potassio (KHC8H4O4): esiste in commercio con purezza al 99.97% e può essere ulteriormente purificato per cristallizzazione in acqua (i cristalli si seccano in stufa a 120°C) HC8H4O4- + OH-  C8H4O42- + H2O.

Si tratta di titolazioni il cui titolante (di solito NaOH o KOH) è aggiunto in eccesso, successivamente, dopo un opportuno lasso di tempo (talvolta è necessario un riscaldamento seguito da un raffreddamento), l’eccesso è retrotitolato con un acido (di solito HCl). Questo procedimento è necessario nei casi in cui siano presenti gruppi esterei.
Il trattamento con alcali a caldo provoca l’idrolisi “liberando” la funzione acida che è neutralizzata
(salificata) dalla base. A titolo di esempio sono riportati due casi tratti dalla FU. Per la determinazione quantitativa dell’acido acetilsalicilico la FU prescrive un trattamento con un eccesso di NaOH e una retrotitolazione dell’eccesso con HCl. Questo procedimento è necessario per idrolizzare l’acido acetil salicilico e salificare l’acido acetico e l’acido salicilico. Questa reazione è anche chiamata “saponificazione”. Si preferisce saponificare completamente (la sostanza è fatta reagire con NaOH 0,5M per 1h!) in modo da essere certi della stechiometria di reazione; infatti titolando direttamente con NaOH non si
ha certezza della quantità di acido acetico che si saponifica (la reazione d’idrolisi non è immediata)
e quindi la stechiometria risulterebbe incerta.

Quindi il rapporto stechiometrico in questa titolazione risulta di 1:2

Per l’acido lattico si usa una procedura analoga. La FU descrive l’acido lattico come “una miscela di acido 2-idrossipropionico e dei prodotti della sua condensazione …”.
La titolazione indiretta è necessaria per saponificare l’acido lattico “liberandolo” dai prodotti di
condensazione, che sono degli esteri. Il prodotto di condensazione è idrolizzabile in ambiente alcalino. L’idrolisi non è immediata,
pertanto è necessario attendere un tempo sufficiente (30 min!) in modo da completare la reazione.

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Università

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it