Agostino d'Ippona riassunto della vita e delle opere (breve)

Aurelio Agostino nacque nel 354 d.C  a Tagaste, città dell’Africa al tempo colonizzata dai romani. Sua madre Monica, essendo cristiana, esercitò sul figlio una grande influenza. Agostino trascorse la sua infanzia e la sua adolescenza in modo disordinato e disperso nelle città di Tagaste e Cartagine. Successivamente si accusò dei suoi errori nelle Confessioni.


All’età di 19 anni si appassionò alla filosofia grazie alla lettura dell’Ortensio di Cicerone. Sempre a quell’età, nel 374, entrò a far parte della setta dei manichei, insegnò retorica a Cartagine sino a 29 anni. Scrisse il suo primo libro a 26 anni, intitolato De pulchro et apto (Sul bello e sul conveniente) che però non è giunto a noi, e tre anni dopo si trasferì a Milano, maturando dei dubbi riguardo al manicheismo. Infatti grazie all’esempio del vescovo Ambrogio  divenne catecumeno, convertendosi al cristianesimo.

Nel 386 Agostino si ritira dall’insegnamento e trascorre un periodo di meditazione nella sua villa da dove nascono le sue opere: Contro gli Accademici, Sull’ordine, Sulla beatitudine, Soliloqui. Un anno dopo venne battezzato dal vescovo Ambrogio il 25 Aprile del 387.

Gli anni successivi sono caratterizzati dal ritorno a Tagaste, dove fu fatto prete nel 391, mentre nel 395 divenne vescovo d’Ippona.

Agostino morì il 28 Agosto del 430 in Africa, quattro anni dopo aver scritto La città di Dio in risposta alle accuse dei pagani. Le sue opere più importanti sono le Confessioni e La città di Dio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*