Agatocle: le monete più famose coniate dal tiranno greco-siciliano

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

In questa pagina abbiamo raccolto un elenco di immagini illustrate raffiguranti le monete di Agatocle, riportando dove possibile anche data stimata del reperto e interpretazione del conio.

Ecco le monete di Agatocle:

Moneta d’oro risalente probabilmente al 317-310 a.C. (60 litre) dove il tiranno Agatocle viene raffigurato nelle sembianze di Apollo
Moneta di Agatocle (Tetradracma) dove viene rappresentato sempre con le sembianze di Apollo 305-295 a.C.(Argento)
Altra moneta di Agatocle (Tetradracma), probabilmente datata 310-305 a.C. (argento)
La triskelés alata, simbolo di Agatocle, incisa sulla serie di sue monete che recano l’Apollo coronato sul dritto.
Testa di Atena con elmo corinzio e grifone mentre nel retro (secondo) abbiamo un fascio di fulmini con la scritta “Agatocle” e “Basileus”
Testa della ninfa Kore coronata con spighe di grano e capelli sciolti con la scritta KOPA mentre nella seconda parte (retro a sinistra) Nike alata seminuda con trofeo, con il nome di Agatocle (qui non del tutto visibile), monogramma e Triscele

E dopo aver visto le monete di Agatocle facciamo un breve ripasso sulla sua vita:

Agatocle sarebbe nato a Thermae e morto a Siracusa; solo il padre sarebbe originario della Calabria (visse tra il 360 a.C. ed il 289 a.C.), il suo nome in greco è Αγαθοκλής.
Agatocle fu Tiranno di Siracusa dal 316 e re di Sicilia dal 304 a.C. alla morte. Nacque a Reggio dove risiedeva suo padre Carcino, un artigiano che nel 343 a.C. si trasferì a Siracusa, Agatocle inizialmente si dedicò alla lavorazione dell’Argilla, ma successivamente preferì entrare nell’esercito. Nel 333 a.C. sposò la vedova del suo generale Damas, poi fu bandito due volte per aver cercato di rovesciare il governo oligarchico della Città aretusea. Nel 317 a.C. giurò di rispettare la costituzione democratica della Città: non appena entrò a Siracusa a capo di un esercito di mercenari ruppe il giuramento e uccise o esiliò 10.000 persone. Così si autoproclamò tiranno. Ricostituì un forte esercito e una grande flotta, con i quali sottomise gran parte della Sicilia orientale. Nel 311 a.C. iniziò una guerra contro i Cartaginesi, ma fu costretto alla resa dopo la battaglia di Imera: Amilcare cinse d’Assedio Ecnomo (sull’Imera) e lo sconfisse poi a Siracusa. Dopo la disfatta, Agatocle tentò una disperata invasione dell’Africa, alleandosi nel 310 a.C. con Ofella re della Cirenaica. Ritornato in patria, lasciò l’esercito al figlio Arcagato, che conseguì alcune vittorie, ma poi fu sconfitto tre volte e costretto alla fuga a Tunisi. Agatocle cercò di riprendere in mano la situazione ritornando in Africa, ma fu definitivamente sconfitto nel 307 a.C. e costretto a una fuga segreta in Sicilia. Nel 306 a.C. firmò un trattato di Pace con Cartagine. Nel 304 a.C. si autoproclamò re di Sicilia, ristabilendo il suo potere su tutte le città greche dell’Isola (quindi su tutta la parte a est del fiume Alico). Malgrado l’età avanzata, continuò a governare energicamente e addirittura si dice che pensò a un altro attacco ai cartaginesi. Le sue ultime fatiche furono però quelle di contrastare il nipote Arcagato che aveva ucciso il padre. Quando si trattò di raggiungere i propri scopi, Agatocle fu spietato, ma fu considerato un tiranno popolare. Sposò Teoxena, figlia del Faraone Tolomeo I, e la figlia Lanassa sposò Pirro re dell’Epiro. Negli ultimi anni la sua salute peggiorò: è probabile che sia morto di vecchiaia, ma alcune fonti indicano che fu avvelenato da Arcagato e Menone, con una penna d’oca che il tiranno utilizzava come stecchino. Durante la tremenda agonia, avrebbe restaurato la Democrazia estromettendo il nipote dal potere. Niccolò_Machiavelli lo prese a modello per l’VIII capitolo de “Il Principe”, dove parla di coloro che presero il potere attraverso i propri crimini.

   
_______

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Le pubblicazioni più recenti su Infonotizia.it:


Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it